energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Si dimette Poli, responsabile Forum sicurezza Pd Politica

Lettera rovente, con dimissioni allegate, quella inviata al segretario metropolitano del Pd Firenze Patrizio Mecacci, dal responsabile del Forum della Sicurezza  e della Legalità del Pd metropolitano Firenze Emiliano Poli. Che ha dietro di se' la condivisione dell'intero Forum metropolitano fiorentino, che sospende le sue attività.  ''Il forum riunitosi in data 13 maggio ha deciso di non proseguire le proprie attività politiche. Dopo la decisa svolta del partito verso il governissimo e la mia autosospensione, è nata dentro il forum una discussione molto sentita con lo scopo di scegliere quale fosse la strada migliore da intraprendere. La nomina di ministri,sottosegretari e presidenti di commissione ha dimostrato che il nostro partito non potrà portare avanti alcun provvedimento forte riguardante i temi della legalità e dell’antimafia". Se questo è l'incipit, altrettanto duro è il prosieguo della lettera aperta, pubblicata anche su Facebook.

"Governissimo a parte siamo rimasti molto delusi da come il tema della legalità non sia stato preso in seria considerazione dal nostro partito. Tante le persone che dentro il partito non rispettano le regole, tante le persone alle quali non interessano i valori della legalità e dell’antimafia. La presentazione del listino è stato un esempio pessimo in questo senso. Tante persone che rappresentavano il mondo dell’antimafia hanno dovuto far spazio ai “raccomandati” del listino. Il partito ha lasciato tanti impresentabili con processi gravi in corso, nascondendosi dietro alle espulsioni di alcuni esponenti siciliani. Abbiamo dovuto assistere per molto tempo anche dell’appoggio del PD siciliano al governo Lombardo".

L'attacco si rivolge direttamente al governo delle larghe intese, vale a dire: che c'entriamo noi col Pdl?
"Come forum legalità – si legge in un passaggio della lettera – abbiamo fatto 11 iniziative in meno di un mese per spiegare alle persone che dovevano votare PD perché soltanto in questo modo avrebbero avuto una speranza di cambiamento. Ci siamo impegnati a spiegare che la mafia e la corruzione non potevano essere sconfitte con gli amici di Dell'Utri, Mangano e Previti. Abbiamo speso la nostra parola cercando di convincere tante persone a votare PD perché non si poteva parlare di etica e moralità con Bondi, Alfano e Cicchitto".

Ed ecco il punto più duro ma anche più amaro: "In questo momento, non riusciamo a rappresentare un partito che sostiene un ministro degli interni che negli anni, come ministro della Giustizia ha fatto di tutto per smantellare gli strumenti più efficaci nella lotta alle mafie. Non riusciamo più a difendere un partito che non ha difeso la magistratura quando il PDL ha “occupato” il palazzo di giustizia di Milano. Non possiamo permetterci di parlare ai nostri elettori pensando che il Vicepremier e ministro dell’interno manifesta in piazza contro la magistratura".

L'accusa finale: il partito non ascolta i suoi elettori. Nessuna risposta, scrive Poli, alla lettera inviata al al Responsabile del Forum Sicurezza e Legalità Toscana, al Responsabile Nazionale del Forum Giustizia, al Responsabile nazionale del Forum Sicurezza e per conoscenza al Segretario Regionale. Solo silenzio.
"Purtroppo anche dopo tutto quello che è successo – commenta Poli – non hanno ancora capito che il partito non è loro, non si sono ancora resi conto che occorre ripartire dalla base, da quelle persone che sono sempre state disposte a seguirli anche quando la logica avrebbe suggerito ben altro".

La lettera è stata inviata per conoscenza, oltre al Segretario Metropolitano PD Firenze Patrizio Mecacci, al Segretario Nazionale Guglielmo Epifani, al Capogruppo alla Camera dei Deputati Roberto Speranza, al Capogruppo al Senato della Repubblica Luigi Zanda, al Responsabile Giustizia PD Nazionale Andrea Orlando, al Responsabile Sicurezza PD Nazionale Emanuele Fiano, al Responsabile Sicurezza e Legalità PD Toscana Federico Gelli, al Segretario Regionale Andrea Manciulli, ai Parlamentari toscani del PD. 

Ai Segretari delle Unioni Comunali del PD metropolitano di Firenze

Print Friendly, PDF & Email

Translate »