energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Si rafforzano i rapporti tra agricoltura italiana e croata Economia

Questo il risultato della missione del presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, compiuta in Croazia nell’ambito del mandato ricevuto dal Consiglio dell’Organizzazione mondiale degli agricoltori per le relazioni con le organizzazioni agricole del bacino del Mediterraneo. Nel paese balcano, informa la nota della Cia, il presidente Politi, accompagnato dal responsabile dell’Ufficio internazionale della Cia Cristina Chirico, ha firmato un Protocollo d’intesa con la locale Camera dell’Agricoltura, rappresentata dal presidente Mato Brlosic, dal segretario generale Damjan Bogdanovic, dal direttore Ivan Katalinic, e dalla responsabile relazioni internazionali Iva Milasincic.  Il presidente della Cia, nel presentare il Protocollo d'intesa alla stampa, ha sottolineato la necessità di rafforzare l'agricoltura familiare e l'esperienza degli agriturismo.
Il Protocollo d’intesa tra la Cia e la Camera dell’Agricoltura attiva una più stretta collaborazione da sviluppare con scambi e visite bilaterali incentrate sulla conoscenza del settore agricolo, mirate soprattutto a che i giovani agricoltori croati possano fare esperienza di gestione d’impresa presso le aziende italiane e le loro associazioni.

In Croazia l’agricoltura contribuisce per oltre l’8 per cento alla formazione del Prodotto interno lordo (Pil), è praticata in modo estensivo nelle pianure danubiane e fornisce in prevalenza cereali, oltre a patate, prugne, barbabietole a zucchero, viti e olivi. In particolare, la produzione vitivinicola si estende su un territorio di circa 60 mila ettari. In crescita anche il patrimonio zootecnico, con bovini, suini e ovini.

Foto www.it.123rf.com: agricoltura in Croazia

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »