energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Siccità, arrivano le restrizioni all’uso dell’acqua Ambiente

Promulgare il 16 aprile 2012  ordinanze comunali, preelaborate dalla Provincia di Firenze,  di limitazione degli usi domestici d’acqua, per contrastare gli effetti della carenza idrica.  Questa l'azione condivisa ed urgente concordata tra la Provincia di Firenze e tutti i 44 comuni del territorio fiorentino, per far fronte al rischio siccità, ormai conclamato, anticipando l'applicazione delle ordinanze che normalmente vengono adottate nel periodo estivo che vietano annaffiamenti, lavaggi auto etc . Tali provvedimenti si armonizzeranno con i divieti di prelievo dai corsi d'acqua, per usi non prioritari, già emanati dalla Provincia e quindi comporteranno il coinvolgimento anche dei Comuni nella gestione virtuosa della risorsa idrica e nella costituzione di una   "cabina di regia "  per monitorare la situazione. Adottare provvedimenti per comunicare con chiarezza alla cittadinanza la necessità di evitare sprechi sarà un'altra azione fondamentale, insieme alla campagna di comunicazione già annunciata dalla Regione. Questa la conclusione dei lavori del Tavolo svoltosi oggi a Palazzo Medici Riccardi, che ha visto la partecipazione degli assessori provinciali all'Ambiente e Difesa del suolo Renzo Crescioli, alla Protezione Civile Stefano Giorgetti, all’Agricoltura Pietro Roselli, e dei rappresentanti di gran parte dei Comuni della provincia.
La Provincia di Firenze invierà a tutti i Comuni del territorio uno schema d’ordinanza di restrizione degli approvvigionamenti da acquedotto che i Comuni si sono impegnati a promulgare  il prossimo 16 aprile, così da rafforzare i provvedimenti di divieto emanati dalla Provincia inerenti i prelievi diretti dai corsi d'acqua . La misura, come sottolineato dal responsabile provinciale della Protezione Civile, Paolo Masetti, serve a “scongiurare il passaggio da una situazione di criticità ad una di emergenza di Protezione Civile”.
Tra le misure da adottare sul medio/lungo periodo, c’è stata la richiesta di  risorse e  snellimento delle procedure per la creazione di nuovi invasi  e l'utilizzo dei cosiddetti laghetti, interventi sulla riduzione delle perdite sulla rete idrica, oltre che lavorare sui doppi impianti per il recupero dell'acqua piovana  e sul riuso delle acque reflue depurate.

Le dichiarazioni
"La situazione critica delle risorse idriche di superficie – spiega l'assessore Crescioli –, è tale da anticipare ad aprile delle misure di restringimento in modo da contrastare possibili emergenze,  ancora maggiori, per il prossimo autunno. Questo quadro, unito a previsioni meteo che a medio e lungo termine non fanno ipotizzare significative precipitazioni, rendono necessaria l'adozione di cautele particolari ed ulteriori rispetto a quelle già stabilite per il 2011. Ad oggi la situazione è ancora gestibile, domani potrebbe  non esserlo. Non si tratta di fare allarmismi, ma la situazione non è assolutamente da sottovalutare. Il nostro obiettivo fondamentale è quello innanzitutto di preservare la disponibilità della risorsa per gli usi cosiddetti umani, e per quanto possibile anche per quelli agricoli e industriali. Oltre a ciò vi è anche l'esigenza di garantire, sempre per quanto possibile, i deflussi minimi vitali per non compromettere gli ecosistemi fluviali ".

“L’obiettivo – ha proseguito Crescioli – è quello di arrivare ad un uso virtuoso della risorsa idrica, da continuare anche in periodi di non emergenza. Sul territorio fiorentino, in media, vengono consumati 200 litri al giorno da ogni cittadino, spesso con consumi inopportuni. Anche la riduzione di un 10% porterebbe ad un’attenuazione della criticità . L'obiettivo di queste prime misure è anche quello di comunicare alla cittadinanza la necessità di mettere in atto misure, anche in termini di stili di vita individuali, tese a preservare la risorsa idrica ”.

Criticità attuali e previsioni
Qualora la situazione metereologica non dovesse portare precipitazioni tali da far aumentare il livello di portata dei fiumi e degli invasi, così come previsto al momento dalle stime del consorzio regionale Lamma, le misure che verranno adottate potranno prevedere la riduzione di distribuzione in alcune fasce orarie ed una turnazione anche per  i prelievi per uso agricolo e  industriale.
Le portate dei principali corsi d’acqua del territorio (Arno, Sieve e Bisenzio) nel periodo ottobre 2011/febbraio 2012 si sono più che dimezzati rispetto alla media degli stessi periodi degli anni tra il 1996 ed il 2011, ed anche lo stesso invaso di Bilancino, con i suoi 36 milioni di metri cubi, ha una riserva d’acqua pari quasi alla metà di quella che dovrebbe avere in questa stagione. Una situazione diffusa anche sul resto del territorio, come ad esempio accade per gli invasi aretini di La Penna  e Levane.

29 marzo Siccità, possibile stop alle licenze di prelievo idrico nel 2012
28 marzo Allarme siccità, Coldiretti: “Decisive le prossime due settimane”
23 marzo Climate-adapt, piattaforma che prepara la strategia europea 2013
14 marzo Strategie climatiche, l’Autorità di bacino dell’Arno in prima linea con Wiz
7 marzo Siccità, in provincia di Pisa un piano preventivo
21 marzo Acqua: la siccità non chiude i rubinetti, ma le aziende invitano al risparmio
16 febbraio Invaso di Bilancino, la neve non basta, acqua ancora sotto il livello stagionale
2 febbraio Rischio siccità, geologi della Toscana: “Manca conoscenza dettagliata degli acquiferi”
24 gennaio Siccità: task force permanente per gestire la crisi idrica
29 novembre Allarme siccità, Bilancino acqua dimezzata
4 ottobre Allarme siccità: temperature elevate e consumi record
7 settembre Allarme siccità nel Valdarno superiore

Foto coopambiente.it


 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »