energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sicurezza online: “Una vita da social” a Prato e Lucca Internet

Prato – Arriva anche a Prato oggi 21 gennaio in Piazza San Francesco, domani a Lucca, il truck adibito ad aula multimediale, dove a bordo si incontreranno genitori, studenti e insegnanti per parlare delle tematiche connesse alla sicurezza online nell’ambito di un progetto co-finanziato dalla Commissione  Europea, sulla sensibilizzazione e prevenzione  dei rischi e dei pericoli della rete, realizzato dalla Polizia  di Stato e dal Miur,il Ministero dell’Istruzione dell’Università e Ricerca, nell’ambito del Progetto Generazioni Connesse del Safer Internet Center Italia e riconosciuto in Europa come uno dei migliori  “best practices”.

Una campagna educativa  itinerante “Una vita da social” partita lo scorso anno il 28 settembre da Napoli alla presenza del Presidente della Repubblica e che si concluderà a fine aprile a Roma, la cui finalità e’la prevenzione per evitare quei gravissimi episodi, alcuni culminati con il suicidio e che hanno avuto come protagonisti gli adolescenti che  sono state vittime del cyberbullismo e delle varie forme distorte dell’uso di internet.

Il questore di Prato Paolo Rossi ne ha sottolineato “la consolidata  necessità di condividere con gli studenti  e i rispettivi contesti familiari, didattici e ricreativi,tutti gli aspetti connessi al tema della sicurezza online e finalizzati ad aiutare, in un ambito di legalità partecipata,tutti gli utenti di età adolescenziale od ancor più giovani, i quali costituiscono una delle fasce più attive nella navigazione on/line e che alla luce di un apprendimento per lo più autodidatta possono ingenuamente o senza fini volutamente illegali imbattersi in scenari rilevanti sotto l’aspetto penale ovvero insidiosi per una corretta e matura formazione fisica.”

A Prato nel febbraio dello scorso anno è nata l’associazione OSO, l’Osservatorio per la Sicurezza on-line con cinque associazioni del territorio che hanno deciso di unire le proprie forze per creare uno strumento di aiuto grazie al supporto di medici, criminologi e psicologi. All’evento di oggi non mancheranno dei testimonial del mondo dello spettacolo,della cultura e dello sport anche con dei video messaggio per manifestare la propria vicinanza a queste tematiche  di prevenzione   e sensibilizzazione.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »