energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cara signora, ma lei non capisce! Opinion leader

Per esempio, la Cina. Quando le primi merci cinesi cominciarono ad arrivare sulle bancarelle dei nostri mercatini, rimasi colpita – ricami su seta, cestini intrecciati, scarpette ricamate – tutto bello e a prezzi più che ragionevoli. Dopo sono arrivati capi d’abbigliamento, fatti piuttosto male, ma costavano poco. E poi…la mia vicina ha una cugina che produceva abbigliamento in pelle e shearling (all’epoca quasi tutti toscani avevano un parente che fabbricava qualcosa!); la cugina era andata in Cina per aprire una fabbrica lì. “Sai, con il basso costo della mano d’opera potrà vendere molto di più…” Io dissi: “Ma se tutti fanno così, li operai italiani non avranno più lavoro e senza lavoro non potranno comprare niente, anche se costa poco."Stai zitta, non capisci", era la riposta. D’accordo, non capisco,  ma è successo più o meno così.

Per esempio, il gruppo misto No-Global/Diritti degli animali. Non accetto l’idea di uccidere animali in pericolo, quali felini maculati, o foche, o altri. Ma porto una pelliccia (tanti piccoli roditori di allevamento finiscono nelle scatolette per gatti). Gli attivisti inveiscono contro le pellicce,  ma guardando in giù, indossano scarpe "di marca" fatte in Cina da operai che non hanno solo problemi ad arrivare alla fine del mese, riescono appena sopravvivere e lavorano  in condizioni di semi-schiavitù (mentre i nostri calzaturifici stanno chiudendo). Quando, un giorno ho chiesto ad un manifestante di spiegare come giustificava il fatto di avere più rispetto per animali che per altri essere umani, mi ha urlato, "Signora, lei non capisce niente".  

E poi, la crisi attuale. L’altra mattina al bar ho visto i titoli L’EURO È SALVO! Io ero convinta che era la Grecia da salvare. Oramai, secondo anche James Galbraith (professore di economia presso University of Texas)  la Grecia è già distrutta: le misure di austerità hanno decimato i servizi essenziali (sanità e  istruzioni per citarne solo due) e le prospettive per il futuro sono tutt’altro che buone. E sappiamo bene com’è la situazione nel resto dell’Unione il tasso di disoccupazione è alto (Germania 6%, Italia 8%, Francia  10%, Spagna 23%, senza menzionare la disoccupazione “giovanile” che ha raggiunto livelli stratosferici). Parlando della situazione, come facciamo tutti, ho chiesto da qualcuno che ne sa più di me: "Ma perché non si svaluta l’euro? I debiti sarebbero più facili a ripagare, le esportazioni ne gioverebbero, il prezzo del greggio è molto basso quindi l’impatto da quel lato non sarebbe tanto severo e visto che la Cina non vuole ritoccare la propria moneta che ci sta mettendo tutti in ginocchio funzionerebbe come una rivalutazione de facto del Renminbi?" Ormai dovrebbe essere chiaro che ho sentito “Ma cosa dici? Tu non capisci niente!”.

E poi, l’ultima domanda? E chiedo sul serio: cosa ha portato quest’unione a noi, cittadini piccoli? D’accordo, è bello viaggiare in Europa e non dovere fare calcoli in testa per capire quanto è costata la cena  e non tornare a casa con manciate di monetine diverse (ho due barattoli pieni di Pfennig, Groschen, centimes e…). È anche bello passare il confine senza fare la fila al controllo passaporti, ma con i tempi che corrono, non mi dispiacerebbe qualche scrutinio in più.  Hanno bandito i nostri bellissimi fiaschi impagliati e riempiono i nostri supermercati con dei pomodori bellissimi ed altrettanto insapori fatti crescere in serre olandesi. E quando chiedo "Ma, gli olandesi acquistano tulipani italiani?".  Sappiamo la risposta,  ed è vero, non capisco niente. 

Julia Hanna Weiss

Print Friendly, PDF & Email

Translate »