energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Simoncini scrive agli Usa per avere notizie sul futuro di Camp Darby Notizie dalla toscana

Gli Stati Uniti hanno annunciato alcuni mesi fa che la presenza militare americana in Italia verrà riorganizzata con l’apertura della nuova base a Dal Molin, in provincia di Vicenza. Questo potrebbe portare ben 67 unità di personale impiegate attualmente nella base di Camp Darby a rischiare il proprio posto di lavoro. Per questo si è tenuto oggi, 13 marzo, a Firenze un incontro fra l’assessore regionale alle Attività produttive, lavoro e formazione, Gianfranco Simoncini, le organizzazioni sindacali del campo militare statunitense, il presidente della Provincia di Pisa, Andrea Pieroni, gli assessori al Lavoro della Provincia di Livorno, Ringo Anselmi, e del Comune di Livorno, Daria Majidi. I rappresentanti sindacali dei lavoratori di Camp Darby hanno espresso la loro preoccupazione per il futuro della basa militare di Tirrenia (Pisa) ed al termine dell’incontro è stato annunciato che Simoncini scriverà una lettera all’ambasciatore americano in Italia ed al console statunitense a Firenze per chiedere maggiori informazioni. «Abbiamo deciso di raccogliere queste legittime preoccupazioni – ha spiegato l’assessore regionale – per la prospettata riduzione dell’occupazione e anche perchè i sindacati ci hanno informato che, ad oggi, non risulta essere stato aperto alcun canale di normali relazioni sindacali fra i vertici della struttura e i lavoratori». La Regione, ha proseguito Simoncini, farà presente alle autorità americane che è pronta a mettere a disposizione dei lavoratori di Camp Darby la cassa integrazione in deroga.

Foto: http://www.directnicparking.com
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »