energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Simone Ferretti nuovo Presidente di Arci Toscana Società

Pistoia – Si è concluso con l’elezione di Simone Ferretti come presidente regionale il Congresso di ARCI Toscana ospitato per due giorni dalla Casa del Popolo di Bottegone a Pistoia. Ferretti prende il testimone da Gianluca Mengozzi che ha guidato il comitato toscano di Arci negli ultimi 12 anni.

Ferretti, grossetano, 45 anni, dentro l’Arci è cresciuto e si è formato fin da giovanissimo. Un passato da amministratore, è stato assessore alle Politiche giovanili e alla Cooperazione internazionale per il Comune di Grosseto dal 2006 al 2011. Terminata l’esperienza amministrativa, è tornato a occuparsi dell’Arci con l’incarico regionale come responsabile sui temi dell’immigrazione e dell’antirazzismo e come Presidente del Comitato di Grosseto.

Un Congresso che in due giorni ha visto una grande partecipazione, con cento delegati e delegate dai territori presenti e che ha eletto il nuovo consiglio direttivo regionale composto da 80 componenti, più il presidente, di cui il 48% donne e con un’età media che scende ulteriormente rispetto all’ultimo consiglio. “Credo che sempre di più dobbiamo puntare ad una crescita della nostra associazione – ha dichiarato Ferretti in chiusura dei lavori ringraziando la platea – il contorno sul quale ci muoviamo non è semplice ma credo che riparta dai nostri Circoli, Case del Popolo e dalle nostre associazioni una sfida che lanciamo sul territorio toscano da un punto di vista culturale e sociale affinchè ci possa essere un contrasto alla destra che sempre più avanza e soprattutto una ricomposizione sociale che sappia in qualche modo parlare di noi, di diritti, di pace e di tutti quegli elementi centrali rispetto allo sviluppo della nostra associazione nel futuro”.

I 23 ordini del giorno portati in assemblea e votati all’unanimità dalle delegate e delegati coprono un ampio raggio di temi, dalla formazione dei dirigenti arci, con un occhio di riguardo per i più giovani, al sostegno della cultura diffusa dei Circoli, dal rilancio dell’osservatorio antifascista con la Regione Toscana allo sviluppo sostenibile delle basi associative. Particolarmente significativi anche gli ordini del giorno che verranno portati all’attenzione del prossimo Congresso Nazionale, sul sistema di accoglienza, sulla solidarietà internazionale ed il sostegno per l’autodeterminazione dei popoli e la vicinanza alle cause palestinesi, curde e del Saharawi e sulle politiche di genere e la libera identità.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »