energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sisma Nepal, un livornese bloccato a 4mila metri Cronaca

Roma – Sta bene Enrico Cambini, turista livornese, imprenditore di 50 anni e appassionato di trekking, bloccato in Nepal dopo il terremoto che ha messo in ginocchio il paese. Si troverebbe, secondo quanto si apprende, nel vilaggio di Pheriche, un villaggio ad oltre 4 mila metri di altezza.

Muovendosi dal villaggio di Pheriche Enrico Cambini avrebbe dovuto partecipare, con un’organizzazione turistica americana, ad un trekking di alta quota, fino al campo base dell’Everest. Ad ora Cambini starebbe aspettando che il gruppo organizzato con cui è partito riesca a predisporre il rientro. Continua intanto a crescere il bilancio del violentissimo sisma che ha devastato ieri, sul mezzogiorno ora locale, il Nepal. Secondo gli ultimi bilanci sarebbero più di 3.600 le vittime accertate e almeno 7 mila i feriti. 

Nel tragico bollettino di morte anche due italiani, Renzo B. e Marco P. che sono morti travolti da una frana staccatasi dalla montagna mentre erano impegnati a 3.500 metri in un trekking nella Rolwaling Valley. A riferirlo sono stati due loro compagni di spedizione che si trovano oggi a Kathmandu.

Ancora nessuna notizia dei quattro speleologi italiani del Soccorso alpino che si trovavano in Nepal nel villaggio di Langtang, travolto da terra e detriti a causa della raffica di scosse. Sono Giuseppe Antonini, 53 anni, di Ancona, Gigliola Mancinelli, anche lei di Ancona, medico anestesista, Oskar Piazza, del Soccorso alpino del Trentino Alto Adige, e Giovanni Pizzorni, 52 anni, genovese, esperto torrentista. Il gruppo si trovava nel villaggio per esplorare delle forre, ma avevano rinviato l’escursione a causa del maltempo.

Il sisma ha colpito anche i paesi vicini al Nepal, tra i quali India e Cina: circa un centinaio le vittime.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »