energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sittel, incontro con la ministra Catalfo Breaking news, Cronaca

Firenze – Un incontro in video conferenza, si è tenuto stamattina fra la ministra del lavoro Nunzia Catalfo e l’assessore regionale Alessandra Nardini, sulla questione riguardante la crisi della Sittel. “Ringrazio la ministra del lavoro, Nunzia Catalfo, per aver prontamente risposto all’appello che le avevo rivolto soltanto due giorni fa, in appoggio a quello avanzato dalle organizzazioni sindacali per esaminare ad un tavolo nazionale la crisi che sta investendo la Sittel spa. L’incontro è avvenuto in videoconferenza e abbiamo avuto modo di spiegare qual è la situazione e quali sono le preoccupazioni dei lavori e dei loro rappresentanti”, ha detto l’assessore.

La Sittel spa è  un’azienda che si occupa delle infrastrutture per le telecomunicazioni, in particolare manutenzioni, impiantistica e installazione telefonica. Gli addetti di Sittel in Toscana sono almeno 200, distribuiti nei tre centri di Campi Bisenzio (FI), San Miniato (PI) e Grosseto. Si tratta circa della metà di quelli impiegati a livello nazionale.

L’assessora Nardini ha rappresentato alla ministra le preoccupazioni circa la reale situazione in cui versa Sittel, che questa estate, al tavolo di crisi aperto dalla Regione Toscana, aveva rassicurato circa il pagamento regolare delle spettanze e il recupero di quelle arretrate, pur manifestando uno stato di difficoltà.

“Ho fatto presente alla ministra – ha aggiunto  l’assessora Nardini – che è necessario avere garanzie sulle prossime scadenze nel pagamento delle retribuzioni, sul recupero di quelle arretrate, e circa le prospettive di mantenimento delle commesse, finora assicurate da clienti del calibro di Tim e di Open Fibra. La ministra ha garantito un suo pronto interessamento anche in questo senso, manifestando la sua intenzione di convocare l’azienda in tempi rapidissimi e di riconvocare a stretto giro istituzioni e sindacati. E di questa sua presa in carico e tempestività la ringrazio ancora una volta”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »