energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sollicciano, lettera detenute: in cella fra muffa, pioggia e ratti Cronaca

Firenze – “Noi abbiamo sbagliato  e siamo qui per pagare , ma non con la vita”. No, non si tratta di una lettera giunta da un paese fuori dalla civile Europa, quella dove sta scritta la frase che Stamp riporta. Affatto, la lettera infatti giunge, diffusa dal garante dei detenuti del Comune di Firenze Eros Cruccolini, dalle detenute del carcere fiorentino di Sollicciano. “Ci hanno tolto la dignità, viviamo in modo disumano – continua la lettera – viviamo peggio degli animali, in celle invivibili piene di muffa e dove ci piove dentro, senza riscaldamento e acqua calda”, scrivono le detenute.

Ratti come compagni di prigionia, tant’è vero che alcune di loro sono state anche morse e, denunciano, non medicate. E al peggio si aggiunge l’orrbile, ed è per quelle detenute con problemi psichici, dall’ epilessia, attacchi di panico, oltre ad alcune affette da asma, che, denuncia la lettera, “sono rinchiuse da sole, abbandonate a se stesse, peggio del manicomio di Montelupo Fiorentino”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »