energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Spesa per tutti” in barba alla povertà, rinnovato l’accordo per il 2017 Breaking news, Cronaca

Firenze – La sperimentazione è partita nel 2016, i risultati sono stati positivi,  il progetto “Spesa per tutti” proseguirà anche nel 2017.  Stamani l’accordo è stato rinnovato, sottoscritto dall’assessore a sociale e diritto alla salute Stefania Saccardi e i rappresentanti di terzo settore e grande distribuzione; per la Conferenza Episcopale-Caritas Toscana Alessandro Martini, per l’Associazione Banco Alimentare onlus Leonardo Carrai, per Unicoop Firenze Luciano Rossetti, per Esselunga Luca Burroni, per Conad Massimo Ciucchi. Il finanziamento regionale ammonterà anche per il 2017 a 150mila euro. Il coordinamento del progetto resterà affidato alla Regione Toscana. 

Il progetto “Spesa per tutti”  coinvolge l’Associazione Banco Alimentare della Toscana onlus e la Conferenza Episcopale – Caritas diocesana, che hanno una pluriennale esperienza nell’ambito delle attività di recupero alimentare, anche tramite la raccolta di generi alimentari in collaborazione con i soggetti della grande distribuzione, e hanno aderito, a seguito di avviso pubblico, alla realizzazione del programma, con la presentazione di specifici progetti. E Unicoop Firenze, Esselunga spa e Conad del Tirreno, che sono i soggetti della grande distribuzione maggiormente rappresentativi e diffusi a livello regionale.

Ed ecco come funziona: la Regione trasferisce a favore della Conferenza Episcopale-Caritas Toscana la somma di 150.000 euro. La Caritas individua i cittadini da coinvolgere nel progetto, garantendo una copertura il più ampia possibile del territorio regionale, e dando priorità a famiglie numerose, con minori e disabili. Sempre la Caritas acquista dalla grande distribuzione, alle migliori condizioni possibili, generi alimentari di prima necessità, che il Banco Alimentare si impegna a prendere in carico e stoccare in un’area appositamente controllata. La Caritas distribuisce i generi alimentari, garantendo un’equa ripartizione tra i cittadini aventi diritto. Dal canto loro, i soggetti della grande distribuzione riservano prezzi di favore per l’acquisto di questi generi alimentari.  Come il precedente accordo, anche questo ha la durata di un anno. I pacchi distribuiti nel 2016, contenenti olio d’oliva, tonno e legumi secondo gli accordi stabili con la Regione, acquistati dai big player del mondo della distribuzione alimentare a prezzo “dedicato”, sono stati circa 8mila, in tutta la Toscana. In realtà, il numero delle persone che ne hanno beneficiato, ricorda Luca Orsoni a nome di Alessandro Martini , va triplicato, in quanto ogni pacco rappresenta un nucleo famigliare. “Spesa per tutti” è una delle iniziative attuate dalla Regione per la lotta contro la povertà e il disagio, ricorda Stefania Saccardi, mentre Leonardo Carrai lancia la “sfida delle eccdenze alimentari”, che potrebbero essere immesse in un circolo virtuoso anziché finire in discarica. Un augurio che queste esigenze vadano a diminuire proviene da Luciano Rossetti, di Unicoop, “ma purtroppo per ora non è così”. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »