energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Stensen: che cos’è l’obiezione di coscienza e la sua evoluzione Cultura

Firenze – La Fondazione Stensen propone una riflessione sul concetto di coscienza umana e la sua evoluzione nel corso degli ultimi secoli, sull’esercizio dell’obiezione di coscienza ieri e oggi, e sulla crescente rivendicazione di nuovi diritti, come, per es., il diritto a una morte anticipata o prematura, a discrezione del richiedente, o il preteso diritto ad avvalersi di una terapia innovativa.

“Nel corso di questi ultimi decenni – spiegano gli organizzatori – l’obiezione di coscienza è stata spesso invocata in diverse circostanze e situazioni sociali conflittuali. Pensiamo, per es., al servizio militare obbligatorio, all’interruzione volontaria di gravidanza e al dibattito in corso sulla ammissibilità morale del “Suicidio assistito”. Essa è un diritto inalienabile di ogni essere umano, sancito dalla Costituzione e dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, e consiste nel rifiuto di adempiere un obbligo imposto dalla legge, contrario ai propri personali convincimenti morali e quindi nel discernere quali limitazioni si possono considerare ammissibili e quali, invece, imposte”.

Programma

Sabato 1 febbraio ore 15.30

Che cos’è la coscienza

Prof. Roberto PALAIA, Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee di Roma

Prof. Giuseppe GRISTINA, Medico, anestesista rianimatore

Sabato 8 febbraio ore 15.30

L’obiezione di coscienza ieri e oggi 

Prof. Pietro POLITO, Direttore del Centro studi Piero Gobetti di Torino

Prof. Paolo MIRABELLA, Istituto Universitario Salesiano Torino (IUSTO)

 

Sabato 15 febbraio ore 15.30

Diritti individuali e doveri sociali

Prof.ssa Patrizia BORSELLINO, Università degli Studi di Milano-Bicocca

Prof. Luciano EUSEBI, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Ingresso libero

imm: Decalcomania di René Magritte (1966)

Print Friendly, PDF & Email

Translate »