energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Stipendi Comune, luglio “grasso” per dirigenti, dipendenti niente Cronaca

Firenze – Il paradosso, dice Stefano Cecchi, Usb comunale, è tale che salterebbe agli occhi a un cieco: in busta paga, questa di luglio 2015, ai dipendenti comunali è stata fatta trovare, gradita sorpresa, l’indennità di risultato del 2012. Ma ai dipendenti, neanche una lira, pardon, un euro in più per quanto riguarda l’equivalente, vale a dire l’indennità di produttività.

I casi sono due, continua Cecchi, tertium non datur. Vale a dire, o i dipendenti non sono stati considerati ed è su di loro che si sono continuati ad effettuare tagli e risparmi, oppure, “i nostri dirigenti del Comune di Firenze sono super: riescono a ottenere risultati senza nessun altro che loro. Factotum. Tutto da soli”. Insomma, sono capi che riescono a far tutto anche senza truppe. Un genere di dirigenti che “sarebbe prezioso, immagino” anche in altre amministrazioni.

La valutazione che ha consentito a questi dirigenti di aggiungere alle loro paghe anche l’indennità di risultato è stata messa in atto dall’apposito Nucleo di Valutazione (formato da Antonella Manzione ex-direttore generale del Comune, attualmente a Roma, Arturo Bianco che fa le veci di presidente e Giacomo Parenti, attuale direttore generale di Palazzo Vecchio), di derivazione brunettiana. “Non siamo riusciti a sapere a quanto ammontano gli importi di tutti i “beneficiati” – si legge nella nota diramata dall’Usb – perché in questi casi gli atti sono “oscurati”. Ma abbiamo potuto prendere visione della DD 03841 che liquida la relativa indennità a due ex Dirigenti dell’Ente (per la precisione Capi Area) e le cifre percepite sono assai “profumate” ed esattamente € 13.479,20 per il primo e € 13.083,35 per il secondo”.

Detto ciò, i 4400 dipendenti del Comune di Firenze, che per quell’anno non hanno percepito neppure un centesimo, che facevano nel frattempo, mentre i dirigenti raggiungevano gli obiettivi dell’amministrazione? “C’è qualcosa che non torna – conclude Cecchi – ed è chiara: si è tagliato e fatto cassa su tutti coloro che quotidianamente mandano avanti servizi e uffici dell’Amministrazione”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »