energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Storia di Cesare Maltoni, pioniere della ricerca sul cancro Cinema

Firenze – Martedì 19 Novembre, al cinema La Compagnia, una serata evento di beneficienza, in collaborazione Fondazione Firenze Radioterapia Oncologica Onlus, con la proiezione di “Vivere che Rischio”, il documentario di Michele Mellara e Alessandro Rossi su uno dei più brillanti scienziati di questo secolo, il professore Cesare Maltoni,  pioniere nell’ambito della cancerogenesi ambientale e industriale, che ha rivoluzionato la ricerca oncologica e dalle cui ricerche è nata una metodologia scientifica ancora oggi insuperata.

È stato infatti Cesare Maltoni a mettere a punto l’ormai comunissimo pap test per la prevenzione del tumore al collo dell’utero, lanciando negli anni Sessanta la prima campagna italiana (e tra le prime in Europa e nel mondo) di screening di massa sulle donne di Bologna e provincia, per la prevenzione del tumore alla cervice dell’utero.

Maltoni ha dedicato tutta la sua vita alla diffusione del concetto di prevenzione primaria dalle patologie causate da prodotti industriali dannosi per l’ambiente e per l’uomo, tra questi il cloruro di vinile, agente cancerogeno sia per l’animale che per l’uomo: scoperta che lo rese famoso a livello internazionale. Ha inoltre diretto presso i laboratori del Castello di Bentivoglio, saggi di cancerogenicità a lungo termine su circa 200 sostanze presenti nell’ambiente di lavoro e generale.

Attraverso immagini inedite e testimonianze straordinarie di chi lo ha conosciuto, il documentario racconta anche la sfera privata di un uomo dal carattere difficile, spesso emarginato e lasciato solo,  fino a essere, dopo la morte nel 2001, in parte dimenticato.

La serata al cinema di martedì 19 a La Compagnia è organizzata in collaborazione con FFRO Onlus – Fondazione Firenze Radioterapia Oncologica Onlus, a cui sarà devoluto metà dell’incasso a sostegno dei progetto all’interno del Reparto di Redioterapia Oncologica di Careggi.

Vivere, che rischio è prodotto con il supporto di Istituto Ramazzini, in associazione con I Wonder Pictures, in collaborazione con RAI Cinema e con il contributo di MIBAC (Direzione generale Cinema), Fondo Audiovisivo della Regione Emilia Romagna.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »