energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Strage dei Georgofili, il ricordo che non si cancellerà mai Breaking news, Cronaca

Firenze – Sono già passati ventotto anni da quando il rombo malvagio della bomba sotto forma di un Fiat Fiorino imbottito di esplosivo squarciò la notte di Firenze, cambiando per sempre i ircordi collettivi della città.  La vita di cinque persone fu cancellata, altre 48 rimasero ferite. Alle 1,04 del 27 maggio 1993 un Fiat Fiorino carico di esplosivo ad alto potenziale scoppiò in via dei Georgofili, distrusse la Torre del Pulci e seppellì sotto montagne di macerie l’intera famiglia Nencioni (il papà Fabrizio, la mamma Angela e le figlie Caterina e Nadia) mentre il giovane studente di architettura Dario Capolicchio morì carbonizzato nel rogo del suo appartamento. Le ragioni di quella strategia terroristica, che oltre Firenze colpì Roma e Milano, sono state quasi del tutto individuate: gli uomini che azionarono gli ordigni in nome e per conto di Cosa Nostra, e chissà per quali altri mandanti, volevano costringere lo Stato a far marcia indietro sul ‘carcere duro’ per i boss mafiosi e sulla legge sui pentiti.

Le iniziative per ricordare quel terribile evento, promosse da Regione, Comuni di Firenze e San Casciano Val di Pesa, associazioni dei familiari delle vittime, prendono il via oggi,  26 maggio, alle ore 16 dall’Auditorium di Santa Apollonia con il webinar “Sblocchiamo la verità! – Negli anni dell’epidemia e dei lockdown nuove rivelazioni e indagini danno speranza alla ricerca della piena Verità e Giustizia sulla stagione delle stragi del 1992-1993”. L’evento, organizzato in collaborazione della Regione Toscana / Toscana Notizie / Fondazione Sistema Toscana vedrà la presenza, dopo i saluti di del presidente della Toscana Eugenio Giani, dell’assessore regionale Stefano Ciuoffo, del sindaco Dario Nardella e dell’assessore Alessandro Martini, del procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho, del procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo, del procuratore aggiunto Luca Guido Tescaroli e del legale dell’Associazione Danilo Ammannato e gli interventi del presidente dell’Associazione Luigi Dainelli e il contributo di professore e studenti della redazione di LeoMagazine del Liceo Da Vinci di Firenze, impegnati con in un progetto di memoria sostenuto dal MIUR; conduce Sara Ghilardi.

Alle 19.30 il collegamento streaming passa dal Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio con “Aspettando le 1:04” la celebrazione dell’anniversario con gli interventi del Sindaco e del Prefetto e poi musica, teatro e altri contributi studenteschi prima della deposizione di una corona floreale in Via dei Georgofili alle ore 1:04 del 27 maggio, evento a numero chiuso causa disposizioni per Covid19 trasmesso comunque in diretta Facebook sui canali dell’Associazione e della Regione.
Andando dunque, come di consueto, oltre gli appuntamenti istituzionali e di approfondimento insieme alla Regione Toscana, al Comune di Firenze e Comune di San Casciano Val di Pesa, l’Associazione ha investito nella ricerca e nella produzione di alcune pregiatissime collaborazioni artistico-culturali che impreziosiscono e danno valore al calendario delle manifestazioni.

Grazie alla collaborazione e al coordinamento con l’Associazione Culturale InsettoStecco sarà Teatri d’Imbarco di Niccola Zavagli e Beatrice Visibelli a presentare la sera del 26 maggio in Palazzo Vecchio una lettura scenica relativa alla Strage, primo studio di uno spettacolo che andrà poi in scena all’auspicata ripresa della stagione teatrale di ottobre; altro graditissimo contributo musicale arriverà dall’Orchestra Sinfonietta del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze (classe di Formazione Orchestrale del Prof. Paolo Ponziano Ciardi) diretta da Michele Sarti.
L’Associazione tra i Familiari delle Vittime della Strage di Via dei Georgofili di Firenze ha accolto infine con grande favore l’annuncio delle Gallerie degli Uffizi di voler inaugurare il Corridoio Vasariano in fase di restauro e riorganizzazione proprio il 27 maggio 2022 invitando il Direttore Eike Schmidt, già da quest’anno, a prendere personalmente parte alle celebrazioni.

Il 27 maggio alle ore 8.30, in diretta Facebook dal cimitero de La Romola, San Casciano Val di Pesa (FI) si terrà la deposizione di una corona floreale sulla tomba della Famiglia Nencioni, vittima della Strage; alle 12 dal Palazzo di Giustizia di Firenze si potrà seguire l’inaugurazione del Centro di digitalizzazione degli atti processuali delle stragi del 1993 e infine dalle 15 “San Casciano Val di Pesa ricorda” con messaggi istituzionali e video contributi dalla comunità di San Casciano Val di Pesa a cura Tiziana Giuliani (Premio Matteotti 2020) Teatro dei Passi – Arca Azzurra Eventi da vedere sui canali online di Comune e Associazione.
Da segnalare infine su La Nazione del 26 maggio lo speciale inserto cartaceo interamente dedicato all’anniversario della Strage, voluto dall’Associazione come inizio di una rinnovata collaborazione con il quotidiano fiorentino e toscano.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »