energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Street Art in carcere, a breve il murales “La scritta che buca” Breaking news, Foto del giorno

Firenze – ‘La scritta che buca’ è il titolo del murale che sarà inaugurato nelle prossime settimane alla casa circondariale Mario Gozzini. Ieri pomeriggio il sopralluogo dell’assessore alle politiche giovanili Cosimo Guccione e del presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni.
Il progetto della cooperativa Cat, cofinanziato dalla Fondazione Cr Firenze e dal Comune, ha visto protagonisti l’artista Nico Lopez Bruchi e i detenuti del Gozzini che hanno dipinto non solo un murale sui 100 metri della facciata principale esterna ma anche gli spazi interni che ospitano la didattica. Al Gozzini i lavori erano cominciati alla fine del mese di novembre.
“Sono particolarmente felice di questa nuova opera d’arte urbana, che arricchisce la nostra città – ha dichiarato l’assessore Guccione – perché costruita a partire da una coprogettazione fra collettivo Edf crew e detenuti. Un opera che, immaginando un percorso di redenzione ricco di simboli come il viaggio, la meta e l’equilibrio, sottolinea il valore sociale e educativo dell’arte”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »