energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Studenti del Machiavelli per Machiavelli: un successo Cultura

Partendo dal presupposto che dopo una buona prestazione ad un artista viene sempre chiesto il bis, da aggiungere ci sarebbe ben poco alla performance dei ragazzi del liceo Machiavelli, cui il comitato per la celebrazione dei cinquecento anni del Principe ha dato la possibilità di replicare ciò che in precedenza era stato presentato alla Biblioteca Laurenziana.

La sala Della Miniatura di Palazzo Vecchio ha registrato ieri un'insolita affluenza dopo che il comitato presieduto da Valdo Spini ha accolto a braccia aperte l'iniziativa di lettura del Principe da parte dei ragazzi del liceo classico Niccolò Machiavelli. Come la professoressa Felici ha tenuto a precisare, non è solo il nome che lega l'istituto ad uno dei più grandi intellettuali "a tutto tondo" che Firenze abbia mai accolto, bensì il rivolgersi al passato in un'ottica di continuità, riscoprendo una vitalità immortale che permea ogni classico per definizione e che l'autore del "Principe" ebbe l'accortezza di considerare fondamentale per accrescere se stesso e la collettività.

Grazie alle letture eccellenti degli studenti, che sono riusciti a non tralasciare la carica emotiva di cui l'opera appare intrisa, i docenti del liceo hanno potuto aggiungere approfondimenti stimolanti e considerazioni su i principali aspetti dell'opera di Machiavelli, rendendola chiara ed accessibile anche a chi non avesse alcun rudimento in materia. Il comitato di Valdo Spini continua così ad affermare l'idea di un'attualità indiscutibile dell'opera in questione, sottraendo questi scritti ad una cerchia ristretta di esperti ed offrendoli ad un pubblico variegato per grado di conoscenza e per età. L'intera manifestazione appare talmente ben fatta, da accogliere in se tutti i caratteri di una celebrazione adeguata, tanto che vien da pensare che la fortuna di Machiavelli sia stata proprio quella che egli stesso ebbe ritenuta la sua più grande disgrazia. L'essere costretto ad abbandonare Firenze gli ha oggi permesso di essere amato e apprezzato in tutto il mondo

Print Friendly, PDF & Email

Translate »