energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sulle tracce del Pollaiolo, apre mostra milanese: “A ogni donna il suo profilo” Foto del giorno

Milano – Si inaugura mercoledì 21 gennaio alle ore 18  al Museo Poldi Pezzoli la seconda parte della mostra “Ad ogni donna il suo profilo” che vede protagonisti i fotografi Maki Galimberti e Neige De Benedetti, in occasione della mostra dedicata a “Le dame dei Pollaiolo. Una bottega fiorentina del Rinascimento”. Tra gli scatti selezionati per questo secondo appuntamento questo ritratto della ballerina classica Sara Zanzon, allieva della Scuola di Ballo dell’Accademia del Teatro della Scala realizzato da Maki Galimberti  sulla Torre Isozaki,  un superbo  mix di classico e contemporaneo.

Sostenuta dalla Fondazione Bracco, Fondazione Cariplo e Regione Lombardia la mostra milanese è stata arricchita da numerosi eventi tra cui questo riuscitissimo dei set fotografici  in luoghi simbolici della città, dedicati al pubblico femminile e destinati a far rivivere per un giorno l’emozione di immedesimarsi in una dama rinascimentale alla maniera del Pollaiolo declinata in veste contemporanea. Vi hanno partecipato fotografi di fama internazionale come Giovanni Gastel, Maria Mulas, Massimo Zingardi, accanto ad ex allievi dei corso per Fotografi di scena dell’Accademia Teatro alla Scala e dei Corsi di Fotografia e Ritratto Fotografico del CPF Bauer AFOL di Milano. “ Come Pollaiolo – dice Maki Galimberti, che si distingue per il suo stile foto-giornalistico molto raffinato – anch’io faccio molti ritratti alle celebrità del mio tempo. Tuttavia, il lavoro sui profili per questa mostra mi ha regalato l’emozione, almeno per una volta, di non essere sempre guardato in faccia”. Neige De Benedetti, giovane fotografa milanese che partecipa a numerosi progetti editoriali, umanitari e pubblicitari, sul suo set allestito in Piazza Gae Aulenti dice “ Nella nostra epoca, analogie e contrasti si affiancano e si intrecciano in modo originale e imprevedibile. Nei miei scatti, una delle piazze simbolo della nuova Milano diventa cornice che non limita, ma piuttosto amplia, l’orizzonte della donna di oggi, ritratta come la Dama del Pollaiolo”. La mostra resterà  aperta al pubblico fino al 16 febbraio.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »