energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Suspiria” di Dario Argento per festeggiare i 40 anni dall’uscita Cinema, Video del Giorno

Firenze – A quarant’anni dal debutto al cinema – era il 1° febbraio del 1977 – torna nelle sale di tutta Italia Suspiria, uno degli indiscussi capolavori di Dario Argento.  L’inquietante horror del maestro del terrore potrà essere rivisto o visto per la prima volta sul grande schermo, da lunedì 30 gennaio a mercoledì 1 febbraio, in una spettacolare versione restaurata in 4k.

A Firenze l’evento è in programmazione all’Uci Cinemas (30/01 e 1/02) e al cinema Odeon (30/01), mentre in provincia al Multisala Teatro Boccaccio di Certaldo (30/01, 31/01 e 1/02), al The Space Cinema Firenze (30/01 e 1/02), all’Uci Cinemas di Campi Bisenzio (30/01, 31/01 e 1/02) e al Multisala Grotta di Sesto Fiorentino (30/01, 31/01 e 1/02).

Un restauro accurato delle quasi 1.300 inquadrature che compongo il film, nessuna delle quali uguale all’altra, scelta registica rivendicata più volte dal maestro che a questo proposito ricorda “uno dei traguardi che mie ero posto  – oltre a quello di voler fare un film di sole donne o meglio di sole ragazze – era quello di realizzare un film dove non ci fossero due inquadrature uguali o simili. Quando feci la shooting list tenni conto proprio di questo. Volevo che ogni inquadratura fosse bizzarra, strana e che rispecchiasse lo spirito del film. Un film bizzarro, strano, nervoso, anche molto scatenato, che ben rappresentava quel particolare momento della mia vita”.

Suspiria è uno dei titoli di pregio della library Videa che, per festeggiare il quarantennale dalla prima uscita cinema, ha deciso di restaurarlo in 4K partendo dal negativo, operazione che ha permesso di preservarne la qualità originale.

“Grazie a questa nuova versione restaurata in 4k, l’emozione sarà fortissima. Non vedo l’ora di vederlo in sala col pubblico – dichiara Dario Argento – con tutti i giovani che lo guarderanno per la prima volta… Oggi c’è ancora bisogno di aver paura al cinema, la paura è catartica, io lo so. Risveglia l’anima dello spettatore e colpisce il suo inconscio. La pratica del restauro nel cinema è molto importante per le nuove generazioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »