energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tagli uffici postali: mozione del Consiglio regionale Cronaca

Firenze – Tagli degli uffici postali in Toscana: il Consiglio regionale interviene ancora, approvando all’unanimità una mozione sottoscritta da consiglieri di tutti gli schieramenti politici, primo firmatario il capogruppo del Pd, Leonardo Marras. Con questo atto il Consiglio invita il presidente Rossi “a proseguire ancora più incisivamente, attivandosi nelle opportune sedi istituzionali, nei confronti del Governo e di Poste Italiane S.p.A. e coinvolgendo anche i parlamentari toscani, nell’azione di contrasto del piano di razionalizzazione riproposto dall’azienda al fine di evitare che importanti aree marginali, montane e rurali, vengano private di un servizio pubblico essenziale e affinché si valuti ogni ipotesi di razionalizzazione degli uffici postali sul territorio regionale con il necessario coinvolgimento delle istituzioni interessate, con i cittadini e con gli utenti tutti”.

«Un piano che Poste Italiana chiama di razionalizzazione, ma che di razionale ha soltanto i benefici economici per la società – ha commentato Leonardo Marras, che ha sottolineato anche la convergenza sulla mozione di tutti i gruppi – Gli uffici postali nei piccoli comuni e nelle frazioni sono presidi fondamentali, spazi a servizio dei cittadini che rendono una collettività viva. Chiuderli è indebolire una comunità, costringere chi ci vive ad allontanarsi per necessità essenziali. Oggi, viviamo la crisi dell’intero sistema dei servizi pubblici: costi di gestione alti e risorse sempre più scarse mettono in ginocchio una rete di presìdi indispensabili per il territorio e chi ne paga, principalmente, le conseguenze sono i cittadini. É urgente trovare delle soluzioni concrete e ha fatto bene il presidente Rossi, insieme ad Anci e Uncem Toscana, ad intensificare gli sforzi per cercare di far tornare sui suoi passi Poste Italiane, cosa che può avere più forza con l’approvazione di questa mozione».

“Rispetto al piano presentato nel mese di febbraio scorso sospeso in seguito alle forti preoccupazioni espresse dai cittadini, dalle organizzazioni sindacali e dalle istituzioni – si ricorda nella mozione – vengono esclusi dalla preannunciata chiusura soltanto 6 uffici (Settignano; Contea; Pieve di Compito; Ponte Ginori; San Baronto; Monti) rimanendo inalterata la decisione di procedere alla cessazione del servizio in tutti gli altri casi. Pertanto, nel territorio toscano, gli uffici postali che secondo il piano di Poste Italiane S.p.A. dovrebbero chiudere sarebbero articolati nel modo seguente: 6 in provincia di Siena (Monticchiello, Pievescola, San Gusmè, Gracciano, Montisi e Serre di Rapolano); 10 in provincia di Grosseto (Pereta, Santa Caterina, Selva, Montorgiali, Ravi, Torniella, Borgo Carige, Buriano, Monticello dell’Amiata e Talamone); 6 in provincia di Firenze (Pomino, Marcialla, Romola, San Donato in Poggio, San Martino alla Palma e Castelnuovo d’Elsa); 4 in provincia di Arezzo (Campogialli, Pieve a Presciano, Meleto e Mercatale); 8 in provincia di Lucca (Mologno, Castelvecchio Pascoli, San Ginese, Lappato, Vorno, San Colombano, Valpromaro e Tereglio); 10 in provincia di Pisa (Corazzano, Ghizzano di Peccioli, Legoli, Luciana, Marti, Soiana, Treggiaia, Uliveto Terme, San Giovanni alla Vena e Castelmaggiore); 8 in provincia di Pistoia (Calamecca, Cireglio, Grazie, Pracchia, San Mommè, Villa Baggio, Montemagno di Quarrata e Tobbiana); 1 in provincia di Prato (Bacchereto); 6 in provincia di Massa Carrara (Montedivalli, Vinca, Caprigliola, Serricciolo, Filetto e Canevara)”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »