energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Targa scuola cita anche il PD: insorge la Lega Nord Politica

Certo il fatto cosi come viene presentato è abbastanza inusuale anche per i più navigati commentatori politici.  Difficile dire che possa trattarsi di una "svista", comunque imperdonabile da parte della pubblica amministrazione, in questo caso Comune e Scuola, più facile che si tratti di un colpo di mano. Un colpo "basso" che alla Lega Nord non è certamente piaciuto, tant'è che ha presentato un'interrogazione al Ministro Francesco Profumo in cui chiede che venga rimosso il riferimento al Partito Democratico all'interno di una targa affissa sui muri dell'istituto scolastico Galanti di Mulazzo in Lunigiana. L'edificio, colpito dall'alluvione dello scorso ottobre, è stato infatti ristrutturato grazie al contributo di diversi soggetti, associazioni, comitati, onlus, banche. Tra questi anche il Pd di Massa Carrara, che ha donato 20 mila euro, e che "stranamente" figura al primo posta nella lista sulla targa di ringraziamento che il Comune ha scoperto il 12 settembre, fuori dalla scuola media. Il palese ringraziamento non è piaciuto ai concorrenti dell'opposizione- Lega Nord: ''Dobbiamo riportare la scuola nell'alveo della costituzione e dell'autonomia delle istituzioni – dichiara Gianni Fava, deputato della Lega Nord e firmatario dell'interrogazione –  quella targa viola la libertà politica dei genitori, degli insegnati e degli alunni, oltre al principio della neutralità che dovrebbe tenere un plesso scolastico, sancito per legge''. La targa della discordia sarà anche oggetto del prossimo consiglio comunale di Mulazzo e del consiglio di istituto. Chi finirà bocciato? La targa, uno dei due partiti coinvolti, il Sindaco, il preside della scuola, l'autore della targa?

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »