energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Teatro di Rifredi: la stagione teatrale 2012/2013 Spettacoli

C’è bisogno di un teatro per tutti, dove ogni cittadino si possa sentire a casa e in cui vengano affrontati temi attuali e sociali, un luogo dove ognuno dedica un po’ di tempo «a se stesso e alla propria famiglia». In questo senso è inteso il lavoro del Teatro di Rifredi secondo l’idea del direttore artistico Giancarlo Mordini e dell’assessore regionale Cristina Scaletti, i quali hanno presentato la nuova stagione teatrale insieme ai rappresentati di altri enti e istituzioni locali quali la Società di Mutuo Soccorso (proprietaria dell’immobile), il Comune e la Provincia. Un teatro di apertura, alla città, al pubblico e, con il progetto “Il piacere della lettura”, anche alle biblioteche. In collaborazione con la Regione Toscana, infatti, questa proposta vuole portare in scena i testi narrativi seguendo il concetto di teatro come veicolo di comunicazione e, perché no, anche di integrazione di settori diversi. La stagione si apre il 12 ottobre proprio con il romanzo Nudi e crudi di Alan Bennett, il cui racconto è affidato a Lucia Poli e Cesare Bocci, diretti da Angelo Savelli e coadiuvati da cinque attori. Altri importanti autori presenti nella rassegna sono: Davide Leavitt con un testo dedicato ad Alan Turing considerato il “pre-inventore” del computer, Banana Yoshimoto con Sly, Elsa Morante con L’isola di Arturo a cui darà voce Iaia Forte, Marco Malvolti con un suo intrigante giallo interpretato da Carlo Monni; infine Davide Enia, ottimo autore e attore teatrale che stavolta porta in scena il suo romanzo Così in terra.

Non viene smentita neanche quest’anno l’immagine del Rifredi come Stabile di Innovazione fortemente radicato in una tradizione teatrale toscana, per cui si alterneranno sul palco diversi artisti della regione. Tra i primi Alessandro Benvenuti, il quale ripropone i Giancattivi, nati 40 anni fa proprio nello spazio del Teatro di Rifredi, nei panni di tre attori giovani. Seguiranno poi Anna Meacci e Katia Beni con lo spettacolo sulla sanità Ticket & Tac: per ridere e riflettere su esperienze di medici e pazienti raccolte dalle due attrici e dagli autori del libro Good bye Kareggi Alessandro Bini e Bruno Magrini. Altri due appuntamenti da ricordare sono quelli con Stefano Massini, una versione teatrale in stile cabarettistico del libro sulla giustizia L’arte del dubbio di Gianrico Carofiglio con la regia di Sergio Fantoni e l’interpretazione di Ottavia Piccolo, e con Stefano Benni, che dirige 5 attrici in altrettanti monologhi su un universo femminile tutt’altro che rassicurante in Le Beatrici. Tra queste Valentina Chico, la quale torna per il nono anno consecutivo al Rifredi con L’ultimo harem insieme a Serra Yilmaz. Nel ricco cartellone presenti anche artisti internazionali quali Pep Beu, direttamente da Barcellona con lo spettacolo di bolle di sapone Rebufaplanetes; Paolo Nani, da vent’anni in Danimarca è a Firenze con L’arte di morire ridendo; gli strambi musicisti della Compagnia Duel, che tornano con lo spettacolo Duel – Opus 2 dopo il successo dell’anno passato.

 Quale teatro di produzione Pupi e Fresedde riporta in scena L’ultimo harem, già citato, La beffa del grasso legnaiuolo con Carlo Monni e Il giornalino di Gian Burrasca, mentre per la regia di Ugo Chiti novità di quest’anno è Il fantasma di Canterville, adattamento del racconto più famoso di Oscar Wilde dove la governante diventa protagonista assoluta, interpretata da Lucia Poli.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »