energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Teatro in carcere: Nero Fidelia, racconto della strage di Niccioleta Spettacoli

Prato – Va in scena, dedicato alla memoria di Fidelia e dei martiri di Niccioleta, Nero Fidelia. L’Eccidio nazifascista di Niccioleta”, organizzato dagli studenti della sezione carceraria dell’Istituto Dagomari di Prato in collaborazione con i ragazzi, gli studenti e insegnanti accompagnatori. È la drammatica storia di 83 minatori che tra il 13 e 14 giugno del 1944 vennero uccisi per mano dei nazifasciti tra il comune di Massa Marittima,in provincia di Grosseto e Castelnuovo Val di Cecina vicino Pisa. Lo spettacolo sarà rappresentato il 6 giugno alle ore 10.00, presso la Sala teatrale della Casa Circondariale “La Dogaia”di Prato “.

Grazie ai documenti gelosamente conservati da Fidelia, la sposa di Attilio, vittima della strage, si snoda un dialogo tra l’autore e suo padre per raccontare una serie di accadimenti commoventi e dolorosi  della nostra storia recente che hanno segnato per sempre l’esitenza degli abitanti di Ribolla, Gavorrano e Niccioleta.

Attilio, il nonno, reduce dalla prima guerra mondiale, segnato nel corpo e nello spirito, e Fidelia,la nonna, la sposa amorevole che lo cura, si fa carico della famiglia, e provvede con forza e dignità alle necessità domestiche. Una donna appassionata e coraggiosa che dopo la strage lava il corpo morto di Attilio ma,mossa da infinita pietà, anche quelli dei compagni del marito, mostrando così  la sua grande umanità.

Il nero, l’aggettivo che accompagna il nome Fidelia, riporta ad una serie di sfumature di quel colore associate alla miniera, alla guerra, alla fame,alla morte, fino alla tragica fine dell’eccidio, dopodiché il nero in tutta la sua crudezza tingerà una volta e per tutte il nome Fidelia.
Print Friendly, PDF & Email

Translate »