energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Teatro Manzoni: una stagione 2015-16 da “Centro di produzione” Spettacoli

Pistoia –  Sei produzioni, tra novità e riprese e una settima, destinata al pubblico delle scuole elementari e delle famiglie. Questo il debutto  per la stagione 2015  – 2016 del Teatro Manzoni di Pistoia, diventato  Centro di Produzione Teatrale, riconosciuto dal Ministero dei beni e delle attività culturali. Il cartellone è stato presentato da Saverio Barsanti, Direttore Artistico Associazione Teatrale PistoieseComplessivamente  i titoli presentati, tra stagione in abbonamento e non, saranno 18 per un totale di ben 83 recite: “Un aumento di importanza considerevole, in linea con il nostro nuovo ruolo di Centro di Produzione Teatrale”, ha detto Barsanti.  Dell’intero programma da segnalare 2 prime nazionali, 1 debutto assoluto e 2 Prime Regionali.

Prima produzione ad andare in scena giovedì 22 Ottobre sarà L’apparenza inganna di Thomas Bernhard, realizzata in coproduzione con la Compagnia Lombardi Tiezzi, la compagnia che dal 2014 realizza a Pistoia il Teatro Laboratorio della Toscana, il progetto di formazione per attori sostenuto dalla Regione Toscana. Lo spettacolo, andato in scena una prima volta nel 2000, con lo stesso cast artistico (Federico Tiezzi alla regia con Sandro Lombardi e Massimo Verdastro), aveva fatto vincere a Tiezzi il Premio Ubu per la Miglior Regia.

La regia prevede una messinscena in due luoghi diversi (nel nostro caso due spazi all’interno del Teatro Manzoni) che rappresentano le case dei due protagonisti (due fratelli in un rapporto tra loro  tipicamente ‘bernhardiano’). Il pubblico, in numero limitato, ‘entrerà’ quindi nelle due case, quasi a spiare gli incontri settimanali dei due personaggi, spostandosi da uno spazio all’altro nei due atti dello spettacolo.

L’altra produzione in abbonamento, Casa di bambola di Henrik Ibsen, realizzata interamente dall’ Atp, debutterà il 4 Marzo 2016 e vedrà confermato il felice rapporto artistico con un team di artisti – Valentina Sperlì, Roberto Valerio e Massimo Grigò – sperimentato in spettacoli come Il Vantone, L’impresario delle Smirne e Maledetto nei secoli dei secoli l’amore. Il testo di Ibsen – che torna a Pistoia dopo oltre 20 anni – avrà la regia di Roberto Valerio e la presenza in scena, oltre ai citati, di un attore di valore come Danilo Nigrelli, nel ruolo del marito di Nora Helmer.

Con questo titolo prenderà il via, nel 2016, il Progetto Ibsen che vedrà la produzione di un altro testo del drammaturgo scandinavo.  In Altri Linguaggi (la parte del cartellone dedicata alle nuove forme espressive della scena)   tra ottobre e dicembre andrà in scena, in varie ‘location’ della città (dalla Biblioteca San Giorgio al Centro Arti Visive Palazzo Fabroni, passando per il Teatro Bolognini) Il giro del mondo in 80 giorni da Jules Verne, ovvero le puntate 2/3/4 dello spettacolo coprodotto con Teatro Sotterraneo (compagnia in residenza artistica all’Atp dal 2013). Dopo gli allievi della Scuola di Musica e Danza Mabellini, interagiranno con Sara Bonaventura e Claudio Cirri, nei successivi episodi, musicisti della Fondazione Luigi Tronci, Serena Altavilla e i ragazzi di ‘Casa in Piazzetta/ Istituti Raggruppati’ e gli artisti di Rassegna inCONTEMPORANEA.

Sempre dall’estate, arriverà a novembre al Bolognini, dopo il  successo di pubblico e il consenso unanime da parte della critica nazionale, la versione ‘teatrale’ di Ci scusiamo per il disagio, il lavoro  prodotto e rappresentato al Deposito Rotabili della Stazione di Pistoia con l’altra compagnia in residenza, dal 2014, Gli Omini (Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia e Luca Zacchini). Lo spettacolo (prima tappa del Progetto T, il progetto triennale sulla Linea Porrettana) ha visto la presenza, oltre ai critici, di molti operatori teatrali provenienti da tutta Italia ed è stato richiesto da importanti festival autunnali.

Al Bolognini, nel corso della stagione, verranno riproposti due lavori  del 2014 : War Now! con Teatro Sotterraneo e Matteo Angius (che sarà in tournée a Roma e a  Bologna) e Maledetto nei secoli dei secoli l’amore di Carlo D’Amicis, il monologo diretto da Renata Palminiello con Valentina Sperlì (a Dicembre in scena a Roma e probabilmente a Milano in primavera).

Infine a novembre, all’interno di Piccolo Sipario, debutterà I quattro moschettieri in America, spettacolo per ragazzi che realizzeremo in coproduzione e con la presenza della compagnia I Sacchi di Sabbia (Giovanni Guerrieri, Giulia Gallo e Giulia Solano).

 

L’immagine della nuova stagione è firmata da uno dei grandi disegnatori italiani, Franco Matticchio

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »