energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Teatro Studio: cultura e creatività nella stagione 2015 Spettacoli

Firenze – Cosa vuol dire fare cultura oggi, in questa Italia così dissestata da un punto di vista economico e morale? Una risposta interessante, soprattutto per il grande impegno di confronto ed elaborazione dei concetti fondamentali, ce la dà il Teatro Studio di Scandicci e il suo direttore artistico Giancarlo Cauteruccio che oggi ha presentato alla stampa la Stagione 2015: 12 allestimenti improntati all’eccellenza della ricerca teatrale, dal 13 gennaio al 30 aprile.

Il messaggio del Teatro Studio è tutto contenuto nel titolo, “Ars@Labor” e nell’immagine grafica che rappresenta un perentorio punto esclamativo rosso. Il titolo è una declinazione contemporanea dell’ottocentesco “Pane e Lavoro”, “come a dire – ha spiegato Cauteruccio – in che misura per noi l’arte rappresenti il pane, e ancor più nell’anno di un’Expo all’insegna del cibo”, con quella congiunzione del linguaggio informatico a significare “quel presente in cui il Teatro si inoltra attraverso le sue visioni creative, così favorendo l’impegno di molti giovani nelle discipline dell’arte e del teatro”.

E che il gruppo di Cauteruccio sia una delle agenzie culturali più attive nel campo della formazione e dell’avviamento professionale lo dimostra il gran numero di giovani che hanno cominciato a Scandicci e che ora sono inseriti in tante realtà del mondo teatrale e artistico toscano, così come la convenzione con la facoltà di architettura che continuerà anche quest’anno a dare buona prova fra l’altro con la ristrutturazione della chiesa di Santa Verdiana, l’ex carcere femminile, che diventerà un teatro.

Come tutto ciò si è tradotto nel cartellone 2015 sarà il palcoscenico a dirlo, ma le premesse di qualità ci sono tutte. Intanto i due grandi progetti del Teatro Studio. “Napolisciosciammocca” (30 gen, 15 feb), è la prima tappa di un viaggio attraverso tre città di mare (Napoli, Genova e Trieste) navigando sulle rotte delle loro canzoni: “Siamo rimasti molto colpiti dalla morte di Pino Daniele – ha detto il direttore artistico – e ci sarà un omaggio a colui che ha saputo cantare la Napoli contemporanea fatta di sentimenti e di criticità”.

Il secondo progetto nell’anno degli anniversari delle guerre mondiali si chiama “15/45, tre studi sulle guerre” (10-18 aprile),  e si articola in tre atti, il secondo dei quali è la storia di “Bruno Neri il calciatore partigiano”, l’asso della Fiorentina, della Nazionale e del Torino che decise di prendere il fucile contro i nazifascisti e morì sui monti dell’Appennino. Gli altri due pezzi sono dedicati a Maria Plozner Mentil che fu colpita da un cecchino austriaco mentre portava cibo, munizioni e medicinali ai soldati nelle trincee del Carso e Jacopino Vespignani il commissario prefettizio che difese la gente di Tredozio, il paese che gli era stato affidato. “Il filo della riflessione passa attraverso questi personaggi, due dei quali Vespignani e Neri si sono incontrati, la sera prima della morte del calciatore”, ha ricordato Giuseppe Matulli, assessore alla Cultura del Comune di Scandicci.

Tra le altre opere in cartellone spicca soprattutto la due giorni di appuntamenti per festeggiare i primi 10 anni di lavoro del Teatro Sotterraneo (27-28 marzo) che si articola nel “Corso di sopravvivenza”, il racconto e la lezione del lavoro del gruppo fatta da Goffredo Fofi, Stefano Laffi e Enzo Ferrara, seguito dalla messa in scena della prima (Post-It) e dell’ultima produzione (Be  Normal!) con gran ballo finale per festeggiare il genetliaco.

Da citare ancora la collaborazione con la Fondazione Pontedera Teatro (“Riccardo III” e “Alla Luce” di Michele Santeramo 13-14 marzo e 20-21 marzo), “Le Amanti” dal romanzo di Elfriede Jelinek  prodotto dal Teatrino Giullare, “L’Ultimo viggio”, liberamente ispirato all’opera e alla vita di Enrico Filippini, scrittore, giornalista e germanista (17-18 febbraio). Chiude la stagione “Cappuccetto Osso” prodotto da Gogmagog e da Marcella Vanzo, artista, fotografa e videomaker, di caratura internazionale.

foto: Giancarlo Cauteruccio

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »