energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tennis – Il Tc Prato rischia con il Genova Sport

Prato – Inizio migliore nel campionato di serie A1 di tennis non poteva esserci sia per la squadra maschile che per quella femminile del Tc Prato. La vittoria a Casinalbo, contro La Meridiana Modena, per 6-0 per la squadra maschile, capitanata dal maestro Antonio Cotugno e da Andrea Chiocchini, è arrivata grazie alle vittorie di Matteo Trevisan, Jacopo Stefanini, Claudio Grassi e Marco Crugnola in singolare e dei doppi e permette nella seconda giornata, domenica 12 ottobre con inizio alle 10 al circolo di via Firenze con la formula di 4 singolari e due doppi, di affrontare il Tc Genova, che avrà tra le sue fila Potito Starace, con ancora più forza. Un match che si preannuncia bello e stimolante dove si spera che ci sia una bella presenza di appassionati per applaudire e sostenere gli atleti biancazzurri che potrebbero essere la sorpresa di questo girone dopo il pareggio tra Tc Genova e Tc Cagliari per 3-3 nel turno iniziale.

Invece il team rosa del Tc Prato, Campione d’Italia in carica, dopo la vittoria con il Tc Genova per 3-1 sarà impegnato in Emilia contro la squadra del Ct Albinea che nel primo turno ha riposato. Non ci sarà Martina Trevisan ma il team capitanato da Carla Mel potrà contare oltreché su Maria Elena Camerin e Suzana Kucova su Corinna Dentoni e sull’under 16 Lucrezia Stefanini. L’attenzione deve essere massima anche perché si gioca su un sintetico molto veloce. Per mantenere la vetta serve un’altra bella prestazione. “Il campionato è partito bene per entrambe le formazioni ma ora ci sono subito due gare molto difficili – spiega il ds del Tc Prato, Guido Nesti – i maschi affronteranno il Tc Genova che è la favorita del girone e può schierare Potito Starace e il francese Stephane Robert mentre le ragazze saranno ad Albinea su un campo in sintetico e velocissimo dove non è facile giocare”.

Nella foto ufficio stampa da sinistra: Martina Trevisan, Guido Nesti, Lucrezia Stefanini, Suzana Kucova,Corinna Dentoni, Carla Mel, Francesco D’Ambrosi, Maria Elena Camerin e Claudia Romoli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »