energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

“Terra di Siena Terra di Boemia”: due colori, una mostra Cultura

Firenze – “Terra di Siena Terra di Boemia”, una mostra itinerante d’arte contemporanea di artisti della Repubblica Ceca e italiani.

La mostra, organizzata da Roberta Perugini, è iniziata a Castelmuzio, nella Val d’Orcia in provincia di Siena, in occasione della Festa dell’Olio novo di podere il 16 e 17 ottobre 2021, e prosegue a Firenze nella libreria il Libraccio fino al 20 novembre e alla Casa del Popolo di Settignano (FI), fino al 17 novembre 2021.

Degli artisti coinvolti sei provengono dalla Repubblica Ceca e tre dalla Toscana con lo studio a Prato. Sono; Pavel Klíma, artista, membro del Parlamento Ceco e vice governatore della Boemia del Sud, Vít Pavlík, artista, sindaco di Volary, presidente di AJV, Associazione degli artisti della Boemia del Sud e direttore della scuola d’arte di Volary, Theodor Buzu, artista e insegnante d’arte a Tabor, Michal Dubnický, direttore presso la scuola d’arte a Kolín, Tomáš Pergler scultore, insegnante presso l’Accademia di Belle Arti di Praga e Lenka Sárová Malíská, illustratrice e artista di Kalovy Vary, Sabrina Danielli, artista e insegnante, Mattia Crisci, artista e insegnate e Cecilia Chiavistelli, artista, grafica e curatrice della mostra.

Due paesi tra i più amati al mondo, dove l’arte e la cultura sono da sempre una realtà viva, con un profondo legame con il territorio, e questa mostra rappresenta anche un messaggio che dimostra la vicinanza e la stima fra i due popoli. Gli artisti, tutti protagonisti dell’arte contemporanea nei loro rispettivi paesi, si confrontano in un dialogo creativo attraverso le proprie opere pittoriche. Si percepiscono le caratteristiche di stile e di formazione, le differenti creatività, mentre emerge forte una grande coerenza e un’aderenza all’attuale situazione, in divenire, dell’arte.

La mostra è realizzata con il patrocinio del Consolato Onorario della Repubblica Ceca a Firenze, della Regione Toscana, del Comune di Firenze e del Comune di Trequanda.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »