energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Terremoto del centro Italia: partiti soccorsi dalla Toscana Breaking news, Cronaca

Firenze – Partita la Colonna mobile della Regione Toscana con i primi soccorsi in direzione Rieti. Il via libera del Dipartimento nazionale della Protezione civile al termine della videoconferenza della commissione interregionale di coordinamento.

Alle 16.30 si è mosso il primo blocco, con il cosiddetto “nucleo di valutazione”, composto da tre mezzi con circa dieci operatori della Protezione civile toscana, enti e volontari che faranno il sopralluogo sull’area dove poi sarà allestito il campo di accoglienza. Porterà con sé 4 torri faro.

Alle 17.30 parte invece la Colonna mobile che sarà composta da otto operatori della Protezione civile toscana – accompagnati dall’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni – e cento volontari con 29 mezzi. Le tende messe a disposizione saranno in tutto 65: una da 100 posti subito disponibile per la prima emergenza. Poi saranno montate 64 tende da otto posti ciascuna per un totale di 512 posti. Verrà inoltre reso disponibile un modulo ristoro ed una cucina da campo, 5 bagni di cui uno per disabili oltre cisterne gasolio, un modulo officina, un modulo di documentazione e un modulo segreteria.

Alla colonna mobile della Protezione civile partita dalla Toscana alla volta di Rieti si unisce anche una componente sanitaria, composta da ambulanze e fuori strada di Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze), Misericordie e Croce Rossa Italiana, un medico e due infermieri, una tenda del 118 di Pistoia e una della Misericordia di Empoli.

La Protezione civile ha chiesto infatti alla sanità toscana di organizzare sul luogo del terremoto un presidio sanitario che avrà la funzione di posto medico avanzato/punto di primo soccorso all’interno del campo della Protezione civile della Regione Toscana. Il presidio sanitario avrà la funzione di assistere gli stessi operatori della Protezione civile e anche dare assistenza alle persone che verranno accolte nel campo.

La Toscana ha raccolto tempestivamente la richiesta giunta stamani dal Dipartimento Nazionale Protezione Civile di mettere a disposizione posti letto. Da una rapida ricognizione risulta che negli ospedali della Asl Toscana sud est (la più vicina ai luoghi colpiti dal terremoto) sono disponibili 508 posti letto. La disponibilità dei posti letto è già stata comunicata al Dipartimento Nazionale Protezione Civile

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »