energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ticket: tetto massimo annuo di 30 euro per digitalizzazione Notizie dalla toscana

Un tetto annuo di 30 euro per il contributo di 10 euro per la digitalizzazione delle procedure di diagnostica per immagini. L'ha fissato una delibera approvata dalla giunta regionale. In base alla delibera, i pazienti che per fini diagnostici o di follow up necessitano di ricorrere con frequenza alle prestazioni di diagnostica per immagini (radiografie, ecografie, Tc, ecc.), ne pagheranno fino a 3 nell'arco dell'anno solare, dalla quarta in poi il contributo di 10 euro non sara' piu' dovuto. ''Dopo una serie di apporofondimenti e attente valutazioni, e in seguito alle richieste avanzate dal Consiglio regionale – chiarisce l'assessore al diritto alla salute Luigi Marroni – abbiamo rivisto e modificato le regole fissate in un primo tempo, e per contenere la spesa di chi per la propria patologia e' costretto a fare molti esami l'anno, siamo arrivati alla decisione di mettere il tetto di 30 euro. Voglio ricordare – aggiunge l'assessore – che siamo stati obbligati a introdurre nuovi ticket dalla manovra del governo, ma nella rimodulazione dei ticket in Toscana ci siamo fatti guidare, come sempre, dal principio di equita', cercando di continuare a tutelare le fasce piu' deboli e chiedendo di piu' a chi ha di piu'''. Gia' fino ad ora una serie di categorie (invalidi di guerra, civili e del lavoro, ciechi, disoccupati, e altri) erano esenti da questo contributo. Inoltre, per molte patologie, come per esempio i tumori, la diagnostica viene fatta all'interno di un percorso ospedaliero: anche in questo caso, quindi, il contributo non e' dovuto. Il tetto di 30 euro e' stato fissato in analogia con quanto gia' avviene per la farmaceutica, dove il tetto di spesa per il ticket sulla farmaceutica convenzionata per ogni singolo utente e' di 400 euro nell'anno solare. In Toscana non sono molte le persone che ricevono piu' di 3 prestazioni di diagnostica digitale l'anno. Su oltre un milione di cittadini che ogni anno fanno esami di diagnostica per immagini, quelli che ne fanno piu' di 3 l'anno sono circa il 10%, quindi intorno ai 10.000. ''Abbiamo comunque ritenuto giusto introdurre questo correttivo – sottolinea l'assessore Marroni – perche' siamo fermamente convinti che equita' e universalita' debbano restare punti fermi del nostro sistema sanitario''.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »