energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

TifOne in acqua a Livorno Innovazione

Rilevare, censire e monitorare a costi contenuti siti archeologici sottomarini, relitti e reperti isolati sommersi fino a trecento metri di profondità. E’ l’ambizioso obiettivo raggiunto dal progetto di ricerca Thesaurus, finanziato dalla Regione Toscana, sostenuto dalla comunità scientifica toscana e giunto alle sue fasi conclusive. Negli scorsi giorni, nelle acque antistanti il porto di Livorno, i ricercatori dell'Università di Firenze dell'Università di Pisa hanno testato in acqua il robot subacqueo autonomo, denominato TifOne, progettato dai due atenei toscani nell’ambito del progetto: il veicolo è stato utilizzato per individuare, tramite il proprio sonar, il relitto di una nave della seconda guerra mondiale sito a un miglio e mezzo al di fuori del porto di Livorno, ad una profondità di circa venti metri. La sperimentazione è stata realizzata in collaborazione con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Livorno e sotto la supervisione della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana.

Thesaurus è stato presentato in una conferenza stampa nel Porto Mediceo di Livorno prima dell’uscita in mare. L’acronimo sta per “Tecniche per I'Esplorazione Sottomarina Archeologica mediante I'Utilizzo di Robot autonomi in Sciami”. Al progetto, coordinato dal Centro “E. Piaggio” dell’Università di Pisa partecipano, oltre al Dipartimento di Ingegneria Industriale e al Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Firenze, anche il Laboratorio di Segnali e Immagini dell’ISTI-CNR di Pisa, e il Laboratorio LARTTE della Scuola Normale Superiore di Pisa.

Il robot TifOne ha una lunghezza di 3,7 metri, un peso di 170 chilogrammi, può superare i 5 nodi di velocità e ha un’autonomia di 8 ore. Il costo del progetto, che è iniziato nel marzo 2011, è stato di circa 1.800.000 euro. Il battesimo in acqua di TifOne è avvenuto con successo nello scorso febbraio nel bacino di Roffia, a San Miniato (Pisa), con la verifica del corretto funzionamento dei sistemi di bordo che controllano velocità, rotta, profondità ed assetto del veicolo. Nuove prove per la messa a punto della navigazione in mare sono state effettuate a luglio nelle acque di Antignano. “Tifone – ha spiegato Benedetto Allotta, del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Firenze – è dotato anche di telecamere per acquisire immagini, visualizzare la superficie del fondale, scansionarla in 3D e renderla fruibile analogamente alle registrazioni di Google Maps e Street View. I modelli tridimensionali dei siti e dei reperti potranno essere utilizzati per una simulazione o una visita virtuale”.

Da mercoledì 28 fino a venerdì 30 agosto, infine, TifOne raggiungerà i due robot gemelli TifTu e TifTri presso il bacino di Roffia per effettuare degli esperimenti di localizzazione e cooperazione in sciame (come un branco di cetacei) facendo uso di una rete di comunicazione basata su radio modem per la comunicazione in superficie e modem acustici per la comunicazione in immersione. (com)

Foto: Vigili del Fuoco di Livorno

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »