energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tirreno-Adriatico: belgi imbattibili allo sprint Sport

Arezzo – Ancora un belga sul podio più alto della Tirreno-Adriatico. Ieri sul traguardo di Cascina ha prevalso il 25enne Jean Debusschere davanti a Peter Sagan, oggi all’arrivo di Arezzo successo del 30enne  Greg Van Avermaet davanti a Sagan ancora una volta secondo. La tappa, di duecento chilometri, è stata caratterizzata da una lunghissima fuga di un quintetto formato Boem, Wyss, Quintana, Haga e Flens terminata ad una ventina di chilometri dal traguardo quando sono stati acciuffati Boem e Haga ultimi ad arrendersi del quintetto d’attacco.

Dunque ancora un epilogo allo sprint. Una volata che Van Avermaet ha attaccato da molto lontano riuscendo a resistere al ritorno di Sagan, Stybar Pozzato e Cancellara finiti nell’ordine dietro al vincitore.  Il belga, non è corridore molto vincente, ma nelle classiche è spesso protagonista. Con questa vittoria di tappa ha pure conquistato la maglia di leader della classifica.

Al secondo posto Sagan (oggi ha conquistato la maglia della classifica a punti) a 2”; terzo Malori a 8”; quarto Cancellara a 9”; quinto Brandle a 10”. Da segnalare che nel finale della corsa prima Nibali poi l’aretino Nocentini si sono dovuti fermare per foratura rientrando poi in gruppo, ma a prezzo di un grosso sforzo.

Domani sabato la Tirreno-Adriatico lascia la Toscana per approdare nelle Marche, attraversando molte località dell’Umbria. Partenza da Indicatore di Arezzo. Quindi Foce dello Scopetone, Monterchi, Montecastelli, Camporeggiano, Gubbio, Fabriano, Castelraimondo. Chlometri 226.

Si tratta di una tappa con quattro gran premi della montagna ed un severo strappo nel finale. Uno strappo che potrebbe spezzare il gruppo ed offrire una conclusione con una volata molto ristretta.

E domenica il tappone che dovrebbe decidere questa edizione della corsa dei Due Mari. La tappa prenderà il via da Esanatoglia per concludersi ai 1675 metri di quota del Monte Terminillo. E prima della lunga e severa asperità che porterà i corridori al traguardo dovranno essere superate altre due salite il Passo Sallegri e Le Arette. Insomma gli assi, Contador, Nibali, Quintana, Valverde, Rodriguez, Sagan e gli altri aspiranti al successo,  dovranno uscire allo scoperto a darsi battaglia.

Lunedi 16 da Rieti a Porto Sant’Elpidio, tappa per velocisti, ed infine martedi ultima fatica a San Benedetto del Tronto con la cronometro individuale sul lungomare di 10 chilometri. Ma forse a quel punto sarà già tutto deciso.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »