energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tirreno – Adriatico: tappa al belga Van Avermaet Sport

Firenze – Una caduta del gruppo a cinque chilometri dall’arrivo ha frazionato la Tirreno-Adriatico. E così al traguardo corridori a breve distanza fra loro.

Ha vinto il belga Greg Van Avermaet, uno dei più quotati del gruppo, davanti al campione del mondo Peter Sagan. Gli sono sfilati a brevi intervalli. Terzo l’ex iridato polacco Michal Kwiathowski a 2”; quarto Zdenek Stybar a 4” che ha perduto la maglia di leader della classifica indossata dal vincitore della tappa; quinto Caleb Ewan a 7” nella cui scia hanno concluso la corsa Alejandro Valverde, Sacha Modolo, Jurgen Roelandts, Sonny Colbrelli e Moreno Hofland.

Intanto non si sono spente le critiche verso gli organizzatori della corsa per avere annullato ieri il tappone di montagna (l’arrivo era fissato ai 1150 metri di quota del Monte San Vicino). Motivo l’impossibilità – questa la giustificazione – di raggiungere il traguardo a causa della neve. Circostanza invece che non si è verificata.

Tra coloro che hanno protestato più vivacemente il nostro campione Vincenzo Nibali – ha minacciato di non disputare il giro d’Italia – che dopo aver vinto la Tirreno-Adriatico nel 2012 ed nel 2013, aveva impostato la corsa penando proprio ad un attacco in grande stile nel tappone di montagna grazie al quale magari prendere la maglia di leader e vincere per la terza volta questa breve corsa a tappe. Nell’attuale classifica Nibali è decimo a 34”.

Domani martedì ultima tappa con la crono individuale di km. 10,050 sul Lungomare di San Benedetto del Tronto.  Fino ad oggi cinque tappe, nessuna vittoria di un corridore italiano. Cronosquadre alla BMC americana; a Pomarance il ceco Stybar; a Montalto di Castro il colombiano Gaviria; a Foligno il britannico Cummings; oggi a Cepagatti il belga Van Avermaet. E tutto lascia credere che anche nella crono di domani il successo sarà una questione da risolvere tra gli assi stranieri. Pensando che sabato prossimo c’è l’attesissima classica  Milano-Sanremo le prospettive per i nostri corridori non sono delle migliori.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »