energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Toscana e sport, un grande amore non tradisce mai Società

 Firenze – La Toscana si piazza nella top ten e la provincia di Firenze s’incorona regina dello sport italiano. E’  il Sole 24 Ore, che,  redigendo le classifiche italiane delle regioni più sportive (operazione che tiene conto di tutta una serie di criteri fra società sportive, tesserati, campionati e classifiche, risultati conseguiti, relazioni col tessuto sociale ed economico, ed altro ancora) emette il verdetto, quanto mai positivo per la Toscana e per Firenze.  “Non è una sorpresa – si affretta a commentare Stefania Saccardi, assessore regionale al diritto alla salute e al welfare, titolare anche della delega allo sport – perché la Toscana ha investito e continua ad investire molto sullo sport, soprattutto su quello di base”.

E’ tutto il livello regionale che regala un alto indice di sportività nell’anno 2015: Firenze è in vetta alle province, è vero, ma ottimi risultati li hanno ottenuti anche Livorno, Siena, Pisa e Lucca. Bacini tradizionali, è vero, dice Saccardi, ma non si può dimenticare ” la bontà degli impianti, la capacità a livello locale di saper sfruttare la ricchezza dei territori, la loro attrattività in termini turistici. Per noi lo sport rappresenta un patrimonio immenso. Negli ultimi anni – aggiunge l’assessore -abbiamo cercato di intensificare i legami con le varie federazioni attraverso la firma di accordi per potenziare tutti questi elementi e per portare in Toscana grandi eventi sportivi. Abbiamo investito e stiamo investendo anche per migliorare ulteriormente l’impiantistica”.

Infine, per quanto riguarda il primato della provincia di Firenze, tornata ad occupare il primo posto nella classifica generale (dopo il primato del 2008) grazie soprattutto al calcio, all’associazionismo e all’abbinamento sport-turismo, l’assessore non manca di sottolineare l’importanza  dello sport di base, dell’associazionismo, “che da queste parti ha sempre svolto un ruolo di primo piano riuscendo a coinvolgere un numero crescente di giovani e giovanissimi. Qui si pratica lo sport come lo intendiamo noi”. Infine, per il futuro, “spetta a tutti i soggetti coinvolti, Regione in testa, cercare di confermarsi ai vertici”, conclude Saccardi.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »