energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tpl, forse una leggera schiarita fra Comune e Regione Cronaca

 Sedici chilometri orari di velocità commerciale per Firenze e tramvia a largo respiro: spalmare risorse sul capoluogo per rispettarne specificità e esigenze. Forse si profila un ammorbidimento fra il sindaco Matteo Renzi e il governatore Enrico Rossi dopo il muro contro muro dei giorni scorsi. Anche se il sindaco non c’era all’incontro di oggi in Regione con l’assessore Luca Ceccobao e i comuni soci di Ataf,  sostituito  dall’assessore alla mobilità Massimo Mattei, il tema della “minore velocità commerciale” di Firenze, un dato strutturale della città, è stato messo sul tavolo. Un dato peculiare di Firenze che produce inevitabilmente costi maggiori di servizio. E che potrebbe essere abbattuto trasportando più persone ad esempio, o creando corsìe preferenziali per aumentare la velocità di percorso. Tutti interventi per cui servono investimenti e per cui il Comune chiede collaborazione a Regione e Provincia per approntare una rete di trasporti urbana in grado di sopperire a queste necessità. Insomma, specificità fiorentina messa al sicuro, la partita per partecipare alla gara regionale sembra più giocabile da Palazzo Vecchio. L’incontro di oggi ha visto comunque emergere la volontà dei vari comuni e della Regione di progettare insieme una rete di servizi che aderisca alle necessità dell’area fiorentina.
Sono state confermate le indicazioni precedentemente date dalla Regione Toscana(tra cui l’omogeneità in tutto il territorio regionale del metodo con cui saranno ripartite le risorse messe a disposizione), che restano i punti fermi dai quali ciascun territorio dovrà partire per disegnare una nuova rete di servizi che soddisfi al meglio le esigenze di mobilità dei suoi cittadini.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »