energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tpl: primo round a Ratp, il Tar non sospende l’aggiudicazione Economia

Firenze –  Il Tribunale amministrativo regionale per la Toscana non ferma la gara del Tpl che si è aggiudicata Autolinee Toscane (AT) controllata dalla francese Ratp e respinge la richiesta di sospensiva avanzata dal concorrente Mobit. Il Tar – è scritto nell’ordinanza emessa oggi – afferma che “allo stato non possono dirsi sussistenti i presupposti di imminenza, gravità e irreparabilità del pericolo che debbono presiedere alla concessione della tutela cautelare” e “che impregiudicato il merito della controversia e con esclusivo riferimento all’assenza del periculum in mora, la domanda cautelare non può dunque trovare accoglimento”.

Inoltre il Tar precisa che “la delicatezza della controversia rende per altro necessaria la celere fissazione dell’udienza di merito”. Vengono così respinti i rilievi critici espressi da Mobit nel ricorso che cerca di far annullare la decisione della Regione Toscana che ha affidato ad AT la gestione del Tpl.

Dopo la decisione del Tar dovranno quindi svolgersi, come da norme e impegni sottoscritti, gli audit che fino ad oggi sono stati ostacolati dagli attuali gestori. Convinte di poter vincere il ricorso le società di Mobit hanno ostacolato i sopralluoghi ai beni immobili e ai bus e negato l’accesso alle informazioni sul personale, all’attività e ai servizi. “Tutte procedure previste dal bando e indispensabili per poter impostare il passaggio alla nuova gestione del Tpl”, afferma un comunicato di AT. 
Il Tar, non concedendo la sospensiva e lasciando inalterato il processo previsto dalla gara regionale, ha già fissato “per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 21 settembre 2016”.

“L’ordinanza del Tar – ha detto l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli – conferma la tesi della Regione, secondo cui l’interesse pubblico prioritario è che non si perda neanche un giorno utile, lungo il percorso previsto dalla gara, per dare agli utenti del trasporto pubblico su gomma, le risposte attese in termini di qualificazione del servizio”.

Ceccarelli prosegue: “In questo senso, è per noi importante non solo che non sia stata disposta la sospensiva del decreto di aggiudicazione definitiva, ma anche che sia stata sancita con chiarezza la necessità di andare avanti, in attesa del giudizio di merito, con tutte quelle attività propedeutiche alla futura firma del nuovo contratto di servizio, naturalmente facendo attenzione che queste attività non interferiscano in alcun modo con il regolare svolgimento del servizio e che non comportino la rivelazione di segreti o privative industriali”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »