energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tpl, soddisfazione della Regione per il sì del Consiglio di Stato Breaking news, Cronaca

Firenze – Il Consiglio di Stato ha deciso di non sospendere l’affidamento per la gara per il trasporto pubblico su gomma, e soddisfazione viene espressa dal presidente della Regione Enrico Rossi, e dall’assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli. “Piena soddisfazione per la decisione del Consiglio di Stato che ci sollecita a portare a conclusione l’affidamento della gara del trasporto pubblico su gomma in Toscana”.

“Ora andremo avanti fino alla conclusione dell’affidamento – spiegano Rossi e Ceccarelli – con la convinzione che non si debba perdere altro tempo. Con questo contenzioso amministrativo – prodotto da uno dei soggetti partecipanti alla gara, i toscani sono già stati troppo penalizzati. Non solo non hanno potuto beneficiare dei nuovi mezzi e dei nuovi servizi, ma hanno per giunta pagato più di due milioni di euro per ogni mese perso a causa del contenzioso. Allo stesso tempo confermiamo la nostra piena fiducia nell’operato dei dirigenti della Regione Toscana che hanno predisposto gli atti di una delle più grandi gare europee nel trasporto pubblico locale. In questo modo ci avviciniamo ancora di più a un obiettivo molto importante, che avrà ricadute positive e rilevanti per la Toscana del futuro”.

Sempre sulla sentenza, si registra una nota di Autolinee Toscana, vincitrice della gara: “Mobit ci fa sapere di essere “sorpresa” della decisione del Consiglio di Stato che ha respinto la loro richiesta di sospensiva dell’aggiudicazione definitiva della gara regionale del TPL ad Autolinee Toscane.

“Ma come: dopo 5 anni di corsi, ricorsi e denunce – commenta Bruno Lombardi, presidente di AT – e dei conseguenti pronunciamenti della giustizia amministrativa, dal Tar, alla CdG dell’UE e del CdS, Mobit ancora non riesce ad accettarne l’esito”.

L’ordinanza di oggi, ulteriore conferma che questa gara è stata gestita correttamente, ci consente di proseguire il lavoro che stiamo facendo per l’avvio della nuova gestione del trasporto pubblico locale” continua il Presidente di AT.

“Quanto all’indagine in corso – conclude Lombardi – abbiamo fornito agli inquirenti la massima collaborazione e, non avendo nulla da nascondere, siamo fiduciosi ed auspichiamo che sia fatta chiarezza al più presto”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »