energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tramvia, a primavera doppi turni di lavoro. Obiettivo: recupero ritardi Cronaca

Firenze – A primavera i turni di lavoro nei cantieri per la tramvia raddoppieranno, allo scopo di recuperare i ritardi accumulati. Un modo per le imprese di rientrare nei tempi previsti dal cronoprogramma superando le difficoltà iniziali legate alla fase di avvio dei lavori.

La decisione è stata presa ieri, nel corso dell’incontro che ha visto faccia a faccia l’assessore ai lavori pubblici comunale Stefano Giorgetti, il concessionario e i vertici delle ditte coinvolte, alla presenza del sindaco.

“Abbiamo chiesto conto alle ditte del diverso andamento dei lavori – ha spiegato Giorgetti – A fronte di questo, le imprese hanno riconosciuto un posticipo sui tempi di alcuni cantieri dovuto ad aspetti organizzativi delle ditte stesse e ad una loro iniziale sottovalutazione della complessità di intervenire in una città come Firenze. In ogni modo, le ditte hanno rassicurato l’Amministrazione comunale sul rispetto dei tempi finali di chiusura lavori presentando previsioni di recupero entro la primavera 2015 e quindi senza alcun ritardo sul completamento delle linee 2 e 3 della tramvia. Le imprese hanno poi ribadito la piena capacità tecnica ed economica”.
“Il recupero dei tempi, secondo quanto comunicato dalle ditte, sarà ottenuto – ha proseguito Giorgetti – grazie all’organizzazione di doppi turni di lavoro sui cantieri. Da parte loro è anche arrivata la conferma della chiusura di gran parte dei subappalti e della messo a punto di un’organizzazione ottimale sui meccanismi che portano all’adozione delle ordinanze di mobilità, con la presentazione della documentazione completa e necessaria all’adozione dei provvedimenti da parte degli uffici. Cosa che in queste settimane aveva determinato alcuni problemi, proprio per la mancanza della necessaria documentazione”.
“L’Amministrazione seguirà con attenzione tutte le fasi di andamento dei lavori – ha concluso Giorgetti – affrontando e supportando il concessionario nella risoluzione delle possibili problematiche amministrative e tecnico-organizzative. Anche a partire dalla questione relativa all’intersezione con il nodo dell’alta velocità. Ci siamo dati un nuovo appuntamento per il 14 novembre per la verifica congiunta dell’andamento dei lavori”.
È stata quindi confermata l’apertura del cantiere di Novoli per il mese di ottobre e la posa del nuovo ponte bailey sul Mugnone per fine novembre, con la successiva chiusura del ponte dello Statuto.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »