energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Trasporti: più risorse e treni, per la gomma vicina la chiusura della gara Economia

Firenze – Le risorse per il rinnovo del parco ferroviario passano da 89 milioni previsti nell’intesa del 2014 a 294. Gli investimenti riguarderanno il completamento della flotta Vivalto con ulteriori 4,5 composizioni; il completamento del parco treni Jazz entro il 2024; l’acquisto di 38 nuove composizioni diesel entro il 2021 e di 18 nuovi elettrotreni di ultima generazione entro il 2020.

Lo ha annunciato l’assessore regionale ai Trsporti Vincenzo Ceccarelli intervenuto nel corso della seduta della commissione Ambiente del Consiglio regionale per una comunicazione sull’ipotesi di intesa con Trenitalia per il rinnovo del contratto di servizio fino al 2030. Gli obiettivi da perseguire sono il miglioramento di affidabilità del servizio inteso come “regolarità e puntualità” ha spiegato Ceccarelli pur evidenziando come nel 2016 la media, esclusi ritardi dovuti a cause esterne, si è attestata intorno al 95 per cento (era del 92 nel 2015); migliore qualità del viaggio; tutela e diritti dei viaggiatori; gestione efficiente ed efficace da parte dell’impresa; mantenimento di un equilibrio economico tra costi del servizio, ricavi da traffico, corrispettivo contrattuale

L’assessore ha fornito una nota di aggiornamento sulla situazione del trasporto pubblico su gomma, anche alla luce della decisione del Tar di confermare la validità della gara. “Abbiamo chiesto ai due contendenti i nuovi piani economici finanziari” ha spiegato Ceccarelli. “Sarà la commissione tecnica a valutarne la corrispondenza con quanto richiesto dal giudice e a chiudere il percorso di gara con la nuova aggiudicazione”. “Siamo in uno stato di diritto. Il nostro obiettivo è l’interesse pubblico” ha detto rilevando come nella vicenda ci sia un effetto positivo: “il fatto di essere in gara ha scongiurato tagli al settore altrimenti inevitabili”. 

l tema delle gare in un contesto di “sostanziale monopolio una volta pubblico, ora parapubblico, con società per azioni misto pubblico e misto privato” è, per il presidente della Commissione Stefano Baccelli, “centrale”. “La mobilità è materia cruciale per le ingenti risorse economiche impegnate e per la qualità di vita dei cittadini toscani”. L’affidamento delle concessioni e il “paradosso” di situazioni “oggettivamente difficili” cui si sommano “periodi temporali non brevi di mancati investimenti” ha evidenziato il presidente riferendosi alle “concessionarie autostradali, pur in quadro variegato e fortemente eterogeneo”, devono essere “spiegate nel dettaglio ad utenti e operatori”. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »