energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Treni, nuovo Jazz per la Toscana Breaking news, Cronaca

Firenze – Con la consegna avvenuta questa mattina, nella stazione di Firenze Santa Maria Novella, di un nuovo Jazz, salgono a 61 i treni nuovi consegnati da Trenitalia al servizio ferroviario toscano dal 2013 ad oggi.  La cerimonia di consegna si è tenuta alla presenza dell’assessore regionale ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli e del direttore della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia, Orazio Iacono. Entro fine anno i nuovi treni saliranno a 63, con la consegna di un altro Jazz e di uno Swing,  secondo il programma condiviso con la Regione Toscana . Un rinnovamento del parco veicoli che ha già inciso sul risultato del confort regolarità e sicurezza per i passeggeri delle linee ferroviarie toscane. La svolta definitiva è attesa  con il mettere in atto un Contratto di Servizio di più lunga durata su cui le parti stanno lavorando.

Il lavoro svolto in Toscana da Trenitalia Regionale negli ultimi quattro anni, secondo quanto comunica la stessa azienda registra ad oggi 224mila i passeggeri che mediamente ogni giorno feriale salgono sulle 788 corse gestite dalla direzione toscana di Trenitalia, che conta 1877 dipendenti e un parco di 97 locomotori, 555 carrozze e 116 automotrici, elettriche e diesel.

La rete commerciale può giovarsi di 4679 punti vendita, capillarmente presenti sul territorio regionale grazie alle varie convenzioni siglate negli ultimi anni anche con la rete dei tabaccai, di Sisal e di Lottomatica. Dal 2012 a oggi i passeggeri sono cresciuti di circa il 4,5%, l’età media della flotta è scesa del 18%, i guasti ai treni sono diminuiti del 70% e le cancellazioni del 68%, la puntualità reale percepita dai passeggeri, quella che tiene conto di tutti i treni, prescindendo dalle cause del ritardo, è salita del 3,5% e il gradimento complessivo, espresso nei rilevamenti demoscopici, ha conosciuto una crescita del 12 %. In valori assoluti le cancellazioni riguardano circa lo 0,8% delle corse programmate, indice di assoluta eccellenza a livello europeo (in Francia è l’1,3% e in Gran Bretagna, mediamente, il 3%) mentre la puntualità vale il 90,9% nel 2016. Dato che raggiunge il 97% se si escludono i ritardi non imputabili a Trenitalia.

Inoltre Trenitalia Regionale è al lavoro su diversi fronti, fra cui mettere a punto un’efficace integrazione con le altre modalità di trasporto e un’offerta sempre più adeguata alle esigenze del territorio toscan. Sul primo fronte si avvierà a giugno la sperimentazione di una Card, la Card Unica Regionale, che consentirà di caricare su un unico supporto abbonamenti e biglietti di corsa semplice, favorendo così integrazione modale, tariffaria e dei sistemi di vendita. Sull’altro, da condividere con il committente Regione, l’obiettivo è incrementare la frequenza delle corse nelle aree suburbane e la velocità, accorciando i tempi di viaggio, nelle aree extraurbane, favorendo poi l’interscambio modale sul servizio metropolitano. Insomma, armonizzare le diverse offerte di viaggio alle diverse esigenze e creare, al contempo, i presupposti per un’efficace intermodalità.

Infine, per quanto riguarda il treno Jazz che da stamattina si aggiunge sulle rotaie toscane, si tratta di un mezzo lungo circa 67 metri e largo 2,9 e con 4 casse. La velocità massima cui può arrivare è 160 chilometri  orari. I posti a sedere sono 194, più due per disabili in carrozzella, 14 strapuntini e 3 portabici.

Oltre all’ingresso alle carrozze “a raso” dal marciapiede, vale a dire senza scalini per facilitare l’accesso a persone con difficoltà motorie, il nuovo treno è dotato di vari servizi a bordo, fra cui l’impianto di videosorveglianza, schermi luminosi interni visibili da ogni punto del treno per le informazioni, impianto di sonorizzazione, scritte in braille, prese di corrente a 220 V per l’alimentazione di cellulari e PC portatili.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »