energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Treni, sollecitata più attenzione per gli utenti Cronaca

Entra nel vivo l’indagine conoscitiva della commissione Mobilità e infrastrutture per far emergere e affrontare le problematiche che riguardano il trasporto pubblico locale ferroviario in Toscana. Nella commissione, presieduta da Fabrizio Mattei (Pd) sono stati ascoltati oggi il rappresentante degli uffici della Direzione politiche territoriali, ambientali e per la mobilità, il Difensore civico della Toscana Lucia Franchini e i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e degli utenti. “Obbiettivo di questa indagine conoscitiva – ha detto il presidente Mattei – è quello di arrivare a proposte e indicazioni per migliorare il prossimo contratto di servizio Regione- Trenitalia affinchè le norme non siano solo a tutela dei gestori”.

“A livello regionale siamo in fase di trasformazione – ha detto Paolo Bambagioni (Pd), coordinatore del gruppo di lavoro che ha il compito di approfondire le tematiche del tpl ferroviario – Gli uffici che si occupano di trasporti stanno studiando nuovi progetti di infomobilità per dare al più presto ai cittadini-utenti non solo informazioni per pianificare i loro spostamenti ma anche aggiornamenti in tempo reale su traffico, incidenti, ritardi”.

Dall’intervento del Difensore civico è emersa la totale mancanza di tutele per gli utenti dei trasporti. “Abbiamo sollecitato più volte – ha detto Franchini – l’adozione di provvedimenti utili al miglioramento del servizio e suggerito la previsione di un rimborso del biglietto ferroviario causato dai ritardi fino anche a un risarcimento del danno esistenziale. Tali richieste sono state ad oggi inascoltate”.

Il rappresentante dell’Adiconsum Toscana ha auspicato un “rapporto sistematico e continuativo” tra associazioni dei consumatori e degli utenti e la Regione per giungere alla redazione di una carta dei servizi che offra maggiori garanzie agli utenti del trasporto pubblico locale. Un lavoro, ha ricordato, che l’assessorato ha già avviato e “che speriamo porti a risultati soddisfacenti”. Adiconsum ha inoltre sollecitato la necessità che i reclami, “oggi previsti come una sorta di informazione o osservazione degli utenti al gestore del servizio, siano in futuro regolati da una procedura precisa e stringente come già avviene nei confronti dei gestori dei servizi energetici o idrici”. Il Movimento dei consumatori, infine, ha annunciato che farà pervenire alla Commissione un documento con osservazioni puntuali

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »