energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tribunale Roma indaga su protesi difettose: interessate 294 toscane Notizie dalla toscana

Potrebbe avvicinarsi a una soluzione giudiziaria l’odissea delle 294 pazienti toscane cui sarebbero state impiantate protesi Pip, Poly Implant Protesis, in strutture pubbliche e private. Dopo la denuncia dell’Aicpe, l’associazione italiana chirurghi plastici estetici, il Tribunale di Roma ha deciso di indagare contro la società francese accusata di aver riempito le protesi con silicone non adeguato, per i reati di lesioni personali, alterazione o contraffazione di cose in danno della salute pubblica, nonché vendita di prodotti industriali con segni mendaci e truffa. Insieme alla società transalpina, le attenzioni degli inquirenti si concentrano sull’ente certificatore tedesco Tuv Rheinfeld, chiamato ad effettuare i controlli. “Anche se siamo ancora nello stato delle indagini – dichiarano Antonella Primicerj e Gaetano Palazzo, legali di Aicpe – per noi si tratta di un risultato favorevole. La decisione di indagare per il reato di lesioni personali, in particolare, significa che si riconosce un nesso di causalità tra il comportamento del produttore e il danno subito dalle donne a cui è stata impiantata una protesi Pip. Siamo stati truffati al pari dei pazienti: al medico non può essere imputata alcuna responsabilità perché il dispositivo medico utilizzato era assolutamente conforme ai criteri riconosciuti dalla comunità scientifica, non è quindi ipotizzabile la violazione delle regole di condotta che impongono di agire secondo scienza e conoscenza”. Adesso il pm procederà con le indagini sulle ipotesi di reato, per verificare se i reati sono configurabili o meno. Se rinviati a giudizio, le 294 donne toscane potrebbero costituirsi parte lesa nell’eventuale processo, e richiedere il riconoscimento di tutti i danni subiti per la loro salute. Il professor Mario Dini, specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica a Firenze e Milano ha messo in evidenza  come sia  “molto importante che una paziente che si rivolge al chirurgo plastico sappia quale modello di protesi viene utilizzato su di lei".

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »