energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Manzione, legge impedisce doppio incarico” Politica

E due: dopo la contestazione all'assessore Meucci a causa dell'avviso pubblico per consentire l'intervento di proprietari pubblici e privati nell'elaborazione del Regolamento Urbanistico da parte dei Comitati Cittadini circa l'impossibilità di uno strumento non previsto dalla legge regionale, sono i consiglieri comunali De Zordo (Perunaltracittà) e Grassi (Sel) ad aprire un nuovo fronte che riguarda ancora una volta l'osservanza di una legge regionale.

L'oggetto, è la nomina a Direttore generale del Comune di Firenze della comandante della polizia municipale Antonella Manzione, la legge è una legge regionale del 2006 che impedisce a chi ricopre tale incarico di avere altre funzioni all' interno dell' Amministrazione. La questione è stata sollevata ieri in consiglio comunale con una domanda di attualità dei consiglieri Tommaso Grassi e Ornella de Zordo.

La spiegazione offerta nella replica, affidata all'assessore all'educazione Rosa Maria Di Giorgi, è agganciata alla prassi. E' prassi seguita in molti Comuni, ha ricordato la Di Giorgi, conferire ulteriori incarichi ai locali comandanti dei vigili urbani. Esempi? Arezzo e Livorno. Ed era proprio su questa prassi ormai pacifica che la stessa Regione, spiega l'assessore, aveva consentito un'interpretazione della norma che  permetteva tale possibilità in riferimento ad alcune tipologie di mansioni, tra le quali figurerebbe appunto quella di direttore generale.

Intanto, per essere sicuri, è stata comunque chiesta e ottenuta con mozione d'ordine dalla consigliera del Pd Tea Albini una verifica di legittimità al Segretario Generale di Palazzo Vecchio che riguarda il punto, ovverossia il conferimento del doppio incarico.  La risposta è attesa a giorni.
Infine, una precisazione, richiesta da De Zordo e Grassi nella domanda d'attualità, circa lo stipendio della Manzione; infatti, ricoprendo il duplice ruolo, si poteva ipotizzare una somma che arrivasse a toccare i ''190 mila euro''.
L'amministrazione ha fatto sapere che ai 123 mila euro lordi che attualmente  vengono corrisposti a Manzione, per l'incarico ulteriore di direttore generale se ne aggiungono altri 26.300. E, anche sommando il premio di produttività, per legge fissato ad un massimo del 20% dello stipendio complessivo la retribuzione della Manzione raggiungerebbe, al massimo, circa 175 mila euro .

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »