energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Viola ko al Franchi ma avanti in Coppa Sport

Fiorentina-Grasshopper 0-1
FIORENTINA (3-5-1-1) Neto 4,5; Tomovic 6, G.Rodriguez 6, Savic 6,5; Cuadrado 5,5 (1' st Ilicic 5,5), Mati Fernandez 5 (40' st Bakic SV), Pizarro 6, Borja Valero 5,5, Pasqual 6; Joaquin 6 (17' st Aquilani 6); Gomez 5,5. A disp. Munua, Alonso, Compper, Bakic, Aquilani, Rossi, Ilicic. All. Montella 5
GRASSHOPPER (3-5-2): Burki 6; Lang 6, Vilotic 6, Grichting 6,5; Gashi 6 (30' st Hajrovic 6), Abrashi 6, Salatic 6, Toko 5,5, Pavlovic 6; Anatole 6 (38' st Caio sv), Ben Khalifa 6 (38' st Vonlanthen sv). A disp. Taini, Feltschr, Hajrovic, Caio, Vonlanthen, Lang, Bauer. All. Skibbe 6,5.
ARBITRO: Bebek (Cro) 6.
NOTE: spettatori 22.227. Ammoniti Pavlovic, Abrashi, Salatic, Aquilani, Toko per gioco scorretto, Pasqual per proteste.

Fiorentina avanti, ma che fatica. I viola perdono al Franchi (0-1) col Grasshopper, ma in virtù del 2-1 di Zurigo e della regola dei gol in trasferta si qualificano alla fase a gironi di Europa League. E' stata una Fiorentina irriconoscibile, soprattutto nel secondo tempo, quella che ha fatto soffrire i quasi 25.000 del Franchi. Mentre Neto è stato il protagonista in negativo: il portiere brasiliano ha commesso l'errore decisivo nel finale di partita, rinviando maldestramente sui piedi di Ben Khalifa un pallone in area di rigore. L'attaccante ospite non ci ha pensato due volte e ha insaccato il gol-partita. Insieme al verdetto sulla qualificazione ("L'abbiamo sfangata" ha detto a fine partita Diego Della Valle, tornato allo stadio dopo oltre quattro mesi) è arrivato quindi un importante verdetto sul mercato: la Fiorentina ha bisogno di un portiere. Negli ultimi quattro giorni di calciomercato (chiusura lunedì sera) Pradè e Macia proveranno a regalare a Montella un portiere (Julio Cesar rimane una pista difficile ma non impossibile) e un centrocampista.
Schierata col 3-5-1-1 con Joaquin dietro a Gomez, la Fiorentina nel primo tempo è parsa meno brillante del solito ma almeno si è resa più volte pericolosa. Per Mario Gomez ancora una gara opaca e un gol annullato (giustamente) per fuorigioco). Cuadrado, non al meglio fisicamente, è parso meno devastante del solito. Joaquin ha alternato buone giocate e intuizioni a due errori sotto porta. Nella ripresa Montella ha inserito Ilicic, passando al 4-3-3, ma la Fiorentina è parsa ancor più impaurita. Ha sofferto il Grasshopper, ha stretto i denti. Ed ha capito, come ha sottolineato Montella a fine partita, che giocare ogni tre giorni è tutta un'altra storia rispetto allo scorso anno.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »