energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Trucidato a coltellate in un lago di acqua e sangue Cronaca

Omicidio a Chinatown, quella pratese però, in via Cadamosto. Dove il corpo di un giovane cinese, martoriato da numerose coltellate al volto e al collo e al corpo, era riverso nel bagno di un internet point allagato.  Acqua e sangue che forse da domenica notte,  o dalle prime ore di stamattina, filtravano da sotto la saracinesca abbassata e negli scantinati sottostanti mettendo in allarme i vicini. Tanto da chiamare,  verso mezzogiorno, i vigili del fuoco. Tanto da far intervenire le forze dell’ordine che appena fatta la macabra scoperta si sono rivolte al sostituto procuratore Lorenzo Gestri oltre al  medico legale, Albertacci. Subito sono scattate le indagini: alla ricerca dell’arma del delitto. E  alla ricerca di tracce che l’acqua defluita per ore dai rubinetti rimasti aperti, potrebbe aver cancellato.  E alla ricerca di testimonianze  sull’attività dell’interpoint, su chi lo frequentasse abitualmente, su cosa realmente lì si facesse. Tanti sono gli interrogativi ma siamo appena agli inizi.

Ma è immiata la reazione dell’ Assessore alla Sicurezza Aldo Milone:  “L'omicidio di questo cittadino cinese è l'ultimo di una serie che è iniziata nel 2010. Credo, forse mi sbaglierò più per difetto che per eccesso, ad oggi gli omicidi siano circa 15. E' un numero impressionante per una città come Prato”

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »