energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tubature d’amianto per i comuni serviti da Publiacqua Cronaca

Firenze – La denuncia parte dall’ultimo numero della Città Invisibile, rivista di Perunaltracittà Laboratorio Politico, che in modo circostanziato e preciso “rivela” ai cittadini ignari che ben 225 km di tubature, nei comuni toscani serviti da Publiacqua sono in eternit e cemento-amianto. Inoltre, il 36% di queste condotte, come si legge nella nota, sono rami principali, vale a dire tubi che portano l’acqua dagli impianti di prelievo ai rami secondari. Eppure, sottolinea l’inchiesta, “la stessa Publiacqua dichiara di non avere un piano di sostituzione delle condotte in amianto, sulle quali interviene solo quando si verifichino perdite di acqua”.

La denuncia si fonda sugli accertamenti, con tanto di mappe delle tubature contenenti amianto che la stessa Publiacqua ha messo a disposizione, messi in atto da Ginevra Lombardi, docente e attiva nella campagna per l’acqua pubblica che è pubblicata nel numero della Città invisibile http://www.perunaltracitta.org/2014/10/22/publiacqua-225-chilometri-di-tubature-allamianto-lo-scandalo-dellassenza-delle-analisi/, che vede anche l’intervento di Gian Luca Garetti di Medicina Democratica (http://www.perunaltracitta.org/?p=1245) sui rischi dell’amianto sulla salute.

Fra i dati d’interesse che emergono dalla ricerca, uno particolarmente degno d’attenzione è il seguente: a fronte di “una delle bollette più care d’Italia”, Publiacqua “ha le reti peggiori della Toscana e perde il 51% dell’acqua che immette in rete”.

E tutti gli interventi di manutenzione cui spesso i cittadini assistono? Niente: gli interventi di manutenzione sulla rete “non garantiscono una gestione efficiente del problema delle perdite di acqua e sembrano assolutamente inadeguati ad affrontare e risolvere il problema delle condotte in amianto”. Ed ecco le conclusioni dell’autrice dell’articolo: “Publiacqua fino al 2014 ha riscosso dalle nostre bollette 69 milioni di euro per investimenti che non ha mai realizzato. Si usino questi soldi che gli utenti hanno versato nelle casse del gestore per sostituire rapidamente tutte le condotte in amianto”.

La mappa delle condutture all’amianto a Firenze, Prato e Pistoia:http://www.perunaltracitta.org/?p=1170

Intanto, la politica si mobilita: Tommaso Grassi e Giacomo Trombi, del gruppo consigliare comunale Firenze riparte a sinistra, annunciano che lunedì prossimo, in consiglio comunale, presenteranno un’interrogazione a cui farà seguito una mozione per la sostituzione dei tubi d’amianto.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »