energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Turismo all’aria aperta, la Toscana attende l’estate con grandi speranze Ambiente, Economia

Grosseto – I dati della terza edizione del Rapporto svolto dall’Osservatorio sul Turismo all’Aria Aperta in Toscana, presentati  oggi  nel corso del convegno organizzato da FAITA Federcamping Toscana – Confcommercio nel Camping Village Baia Azzurra di Castiglione della Pescaia (GR), sono del tutto incoraggianti, dal momento che, per l’estate in arrivo, si prevede una crescita generale del 2,5% sui pernottamenti in tutta la regione. 

Ad oggi, come si legge nella nota di Confcommercio Toscana, campeggi e villaggi turistici toscani accolgono ogni anno quasi un milione e mezzo di ospiti, che vi trascorrono più di nove milioni di notti. E l’aumento previsto per il 2017 sarà guidato dagli stranieri, che potrebbero aumentare del 2.6%. Un gradito ritorno, che “beneficia”  anche delle difficoltà di molti mercati del Mediterraneo. Anche la crescita degli italiani, prevista al +2,1%, contribuisce a rafforzare l’ottimismo che si respira fra gli operatori del settore.

Sempre per quanto riguarda le previsioni, a beneficiare dell’onda montante saranno le città d’arte e le aree interne maggiormente legate alla tipicità toscana, come ricorda una nota di Confcommercio regionale, che dà anche i numeri, +3,8% totale, +4,0% stranieri, +2,1% italiani.

Per quanto riguarda le zone costiere, l’aumento previsto è del “2,5%, uguale per la componente italiana e per quella straniera, sui pernottamenti, che rappresentano circa l’80% delle notti passate nelle strutture toscane open air. I turisti che frequentano i campeggi lungo le coste sono prevalentemente italiani (60% delle notti), mentre nelle zone interne sono più numerose le presenze di stranieri (86% delle notti nelle città d’arte)”.

In un quadro generale positivo, in cui si registra anche la “gradita sorpresa” del “ritorno” dei turisti tedeschi, una nota di preoccupazione proviene da FAITA e Confcommercio Toscana e arriva dal recente provvedimento dell’assessorato all’agricoltura della Regione Toscana. Il provvediemnto, come spiega la nota, prevede, in materia di campeggio,  “alcune deroghe per gli agriturismi, abilitati ora ad accogliere in sosta gratuita fino a dieci camper per 24 ore, senza la necessità di rispettare quegli obblighi – come antincendio, scarico acque reflue, distanza di sicurezza fra i mezzi – che invece i campeggi devono rispettare”.

“Poco più di tre mesi dopo l’approvazione della nuova legge sul turismo, si sono approvate norme che contravvengono quanto stabilito in merito alla disciplina di campeggi e ospitalità all’aria aperta – ha detto la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini nel corso del convegno di Faita Toscana – chiediamo alla Regione di armonizzare le diverse norme per consentire agli imprenditori, pur di diversi settori, di esercitare nello stesso mercato con regole identiche ed evitare così forme di concorrenza sleale”, ha poi chiesto la presidente, sottolineando che “su 15mila strutture ricettive esistenti in Toscana, oltre 4mila appartengono al settore agrituristico e questo dà idea dell’incidenza che potrebbe avere la questione”.

Ai lavori, coordinati dal presidente di FAITA Toscana Giampiero Poggiali, oltre alla presidente Lapini, hanno partecipato l’assessore al turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo, il presidente della 2^ commissione Sviluppo Economico del Consiglio Regionale Gianni Anselmi e il capogruppo PD al Consiglio Regionale della Toscana Leonardo Marras.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »