energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Turismo, più stranieri in Toscana preferita l’enogastronomia Turismo

e' quanto afferma una ricerca di Toscana Promozione e del Centro studi turistici, presentata oggi a Firenze. Il settore in maggiore crescita (+12,1% a giugno, +4,9% a luglio e agosto) e' quello identificato come 'altro interesse', che comprende il turismo enogastronomico, il turismo sportivo, e altre forme di turismo di nicchia come quello legato a singoli eventi. Cresce anche il turismo balneare, aiutato dalla lieve ripresa del mercato interno: a giugno per i lidi toscani si stimano 32 mila presenze in piu' (+1,7%), mentre per luglio e agosto se ne prevedono oltre 270 mila in piu' (+2,9%). Lieve crescita anche per l'arte (+0,7% a giugno), con buoni risultati da Firenze, Siena, Lucca, Arezzo. In calo invece la montagna (-0,9% a giugno, -5,1% a luglio-agosto), e soprattutto il comparto termale (-8,2% a giugno, -10,4% a luglio). Fra i mercati stranieri, per luglio e agosto si preannuncia una diminuzione dei flussi da Germania, Inghilterra e Giappone, un andamento stabile per gli Usa, e un aumento delle presenze da Spagna, Francia, Scandinavia, Belgio, Russia, Canada, Brasile, India e paesi dell'Est.(Il ritorno in massa dei turisti stranieri in Toscana nel 2010 e' stato propiziato anche dalla netta crescita dei flussi dai Paesi Brics: e' quanto afferma il rapporto congiunturale dell'Irpet, presentato oggi a Firenze. Se il mercato turistico interno e' stato debole in termini di presenze (-1,9% la Toscana, -3,1% l'Italia) a causa dei contraccolpi della crisi, le presenze straniere in regione sono cresciute del +7,9% a fronte di una media nazionale del +2,4%: performances brillanti sono state fatte registrate dal turismo anglosassone (Usa +20%, Regno Unito +5,6%) che pesa per circa un quinto dei flussi verso la Toscana, ma crescono con tassi a due cifre Russia (+38%), Brasile (+55%) e Cina (+39%). Secondo l'Irpet, l'analisi degli andamenti delle strutture ricettive mostra ''un panorama di accresciuta diseguaglianza, con un segmento di offerta alberghiera di lusso particolarmente capace di intercettare la ripresa dei flussi di turisti piu' abbienti, in particolare esteri, e segmenti di offerta di livello inferiore che soffrono particolarmente la diminuzione del turismo interno, e in particolare delle famiglie con un livello di reddito medio-basso''. Il mix di flussi riequilibrato verso gli arrivi esteri tende a far incrementare le presenze nelle citta' d'arte, che rimangono il prodotto turistico toscano piu' venduto dai tour operator internazionali: sono quindi cresciute le presenze a Firenze (+10,5%), Pisa (+5,8%), Lucca (+5,2%) e Siena (+3,1%). La riduzione delle presenze da regioni italiane popolose come Lombardia (-0,3%) ed Emilia-Romagna (-1,0%), oltre al calo delle presenze degli stessi turisti toscani (-2,7%), ha ripercussioni soprattutto nei territori della costa come Arcipelago Toscano (-0,6%), Versilia (-0,9%), Livorno (-2%), Grosseto (-3,7%) e Massa Carrara (-5,2%).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »