energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Tutti al mare, ma attenzione alle alghe STAMP - Salute

L'ostropsis ovata è un'alga microscopica che prolifera in condizioni di alta pressione atmosferica, mare calmo, elevata temperatura dell'acqua ed alla presenza di venti abbastanza forti da permettere il cosiddetto aerosol marino, ossia il trasporto delle goccioline d'acqua. All'inizio degli anni Novanta quest'alga, tipica dei mari tropicali, è comparsa anche nei litorali della Toscana e, da allora ha iniziato a causare problemi ai bagnanti. Da qualche anno a questa parte Arpat, l'Agenzia per la protezione ambientale della Tosana, effettua un monitoraggio attento della sua presenza nei mari della nostra regione, con particolare attenzione al periodo di fioritura dell'alga, ossia i mesi di luglio ed agosto. L'ostreopsis ovata vive solitamente sulla superficie delle alghe rosse dei mari tropicali, ma a causa del surriscaldamento delle acque marine è proliferata anche nei nostri mari e spesso si può notarla avvolgere gli scogli come una pellicola bruna oppure galleggiare a pelo d'acqua. Ovviamente non si tratta dell'alga assassina dei film, ma durante la fioritura può causare malesseri alle persone che vengono a contatto con essa. I sintomi più comuni sono i disturbi alle prime vie respiratorie, causati dall'inalazione delle tossine contenute dall'alga. Tutti al mare, dunque, ma attenzione alle alghe. Nella giornata del 24 luglio, infatti, Arpat ha rilevato il superamento del limite previsto dal Ministero dell’Ambiente (10.000 cellule al litro) nelle acque marine. Immediatamente ne è stata data comunicazione alle Asl delle zone interessate, ossia dei litorali apuano, livornese e pisano, nonché alle amministrazioni comunali che gestiscono le zone costiere nelle quali è stata rilevata la presenza dell’osreopsis ovata.

Foto: http://www.arpat.toscana.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »