energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Uccide la madre, poi si suicida gettandosi dal cavalcavia dell’autostrada Cronaca

Sessantatre anni, ingegnere in pensione. Emilio Lombardini, a detta di chi lo conosceva, era una persona tranquilla e molto attaccata alla madre. Chissà cosa è passato nella mente di quest’uomo apparentemente normale quando ha deciso di compiere un duplice folle gesto. Annamaria Fantappié, sua madre, soffriva da tempo del morbo di Alzheimer, ma il sessantatreenne la accudiva senza farle mancare l’affetto. Forse, però, oggi, 7 novembre, la sopportazione dell’uomo è arrivata al limite, tanto al limite da fargli prendere la disperata decisione di uccidere la madre e successivamente darsi la morte. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la novantenne Annamaria sarebbe morta per soffocamento, strangolata dal figlio in un impeto d’ira. Sul suo corpo, comunque, sarebbero state trovate anche ferite compatibili con un coltello da cucina ed un martello. Dopo l’omicidio della madre, Lombardini ha lasciato l’appartamento di Scandicci (Firenze), nel quale viveva con l’anziana madre e la moglie. A trovare il cadavere della suocera è stata proprio la moglie dell’ingegnere in pensione, che era uscita poco prima per andare a trovare la figlia, la quale abita poco lontano. La donna non aveva portato con sé le chiavi, e quando ha bussato non ha ricevuto risposta dall’interno. Ha quindi contattato i vigili del fuoco e quando la porta si è aperta grazie all’intervento dei pompieri, si è trovata di fronte la suocera stesa per terra senza vita. Sul luogo del delitto sono giunti i carabinieri ed il 118, ma quando la donna ha chiesto del marito gli agenti le hanno dovuto dare il secondo dolore, il più grande. Emilio Lombardini, infatti, dopo aver strangolato la madre ha scritto una lettera ai familiari nella quale si scusava del suo folle gesto. Quindi aveva raggiunto a piedi un cavalcavia dell’autostrada nei pressi di Casellina, e si era tolto la vita lanciandosi nel vuoto e finendo in mezzo al traffico della A1.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »