energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

UECoop unisce 300 cooperative: agricole, del sociale e dei servizi Economia

Firenze – Si è ufficialmentecostituita a Firenze l’associazione Unione Europea Regionale delle Cooperative della Toscana che conta già 300 cooperative iscritte, tra agricole e in rappresentanza di tutti i principali settori, dal sociale ai servizi, dalla produzione al lavoro e 27mila soci. Michela Neri, imprenditrice agricola di Pistoia, è stata eletta presidente. Linda Beoni (Prato), Massimo Neri (Grosseto), Pasquale Biagiotti (Arezzo) e Lorenzo Citti (Lucca) entrano invece nel consiglio direttivo.

La nuova centrale operativa promossa da Coldiretti, riconosciuta e autorizzata quale associazione nazionale di rappresentanza, assistenza e tutela del movimento cooperativo, nasce dall’esigenza – spiega la nota di UECoop di garantire una risposta concreta, seria, trasparente ai temi del lavoro e delle imprese in Toscana.
A livello nazionale sono invece già oltre 4mila le cooperative associate, 300mila i soci operanti in tutti e 14 i settori dell’albo competente, dal lavoro al sociale, dall’edilizia ai trasporti fino all’agricoltura e alla pesca che hanno aderito alla nuova centrale operativa.

“Il modello Ue.Coop – ha spiegato la neo presidente – propone un modello di sviluppo economico basato su tre semplici capo saldi: lavoro, territorio e legalità. Abbiamo visto tutti quello che è successo a Roma con le note vicende giudiziarie che rappresentano solo la punta di un iceberg, e che rischiano di delegittimare l‘intero settore cooperativo anche quello più genuino e improntato ai sani principi tutelati. Ue.Coop impone alle proprie cooperative aderenti alla sottoscrizione di un codice etico di comportamento con il quale si impegnano,  a  rispettare i principi di sana cooperazione, fissa dei precisi requisiti di onorabilità per i presidenti, consiglieri e direttore ha come parola chiave trasparenza  sia nei rapporti interni che esterni. Al centro del motore di sviluppo – spiega ancora – c’è e ci deve restare il socio”. Secondo Gianni Donati, Referente Regionale dell’associazione “non servono nuove leggi; serve invece una presa di responsabilità da parte della rappresentanza e di tutta la società civile”.

Info su www.uecoop.org

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »